«Idea per caso, adottare la chiesa» 

Lavis, Meneghini racconta la nascita del comitato “Christmaspiazaloret” e parla delle nuove idee



LAVIS . «Tutto è nato così per caso, nella panetteria dei Ciucioi. Stavamo facendo due chiacchiere. Ci siamo detti: perché non fare qualcosa per far rivivere la nostra piazza a Natale?». Ha un nome un po’ complicato: “Christmaspiazaloret” ed è un comitato nato due anni fa a Lavis, dai cittadini dello stesso quartiere: quello di piazza Loreto, appunto. Sono loro che venerdì pomeriggio hanno sottoscritto un accordo con il Comune e la parrocchia. In sostanza hanno adottato la chiesetta del Loreto – quella a pochi passi dal ponte di ferro sull’Avisio – e si occuperanno della sua manutenzione, a titolo di puro volontariato. Giorgio Meneghini è il presidente: «Abbiamo iniziato a coinvolgere un po’ di amici della zona – dice –. Ci siamo inventati un Babbo Natale che regala le caramelle. A quella festa di Natale abbiamo raccolto i primi soldi in offerta: già allora pensavamo di utilizzarli per la nostra chiesetta». La storia è andata avanti, il comitato è cresciuto e oggi coinvolge una decina di persone. E soprattutto è il primo soggetto ad avere aderito a una nuova opportunità, pensata dal Comune di Lavis per permettere ai privati di prendere in gestione i beni comuni.

La firma di venerdì sancisce questo accordo: la parrocchia mette a disposizione la chiesetta, il comitato utilizzerà i fondi raccolti nelle feste e il Comune darà il supporto tecnico e logistico. Anche grazie all’aiuto dell’architetto Giorgia Gentilini, gli amici di piazza Loreto hanno già individuato il primo obiettivo: «Sistemeremo la grondaia – spiega Meneghini – perché ora entra la pioggia e i muri sono umidi».

Ma è solo il primo passo: poi a Natale il comitato organizzerà un’altra festa. E forse ci saranno anche nuove idee da sperimentare, sempre con lo stesso obiettivo: rendere più vivo e più bello questo quartiere di Lavis. (d.e.)

















Cronaca







Dillo al Trentino