VIOLENZA SULLE DONNE

Entra con la scala nell’abitazione della ex e la prende a pugni, arrestato quarantenne a Lavis

La donna mostrava una evidente ecchimosi al volto. Intervento dei carabinieri su segnalazione di alcuni cittadini

LAVIS. I carabinieri della Stazione di Lavis, nel pomeriggio di ieri, hanno arrestato un 40enne tunisino per una sequela di reati, tra cui maltrattamenti in famiglia e stalking.

I militari impegnati in un servizio di perlustrazione nell’ambito del territorio di competenza sono intervenuti in viale Mazzini, per una lite in famiglia segnalata da alcuni cittadini al Numero Unico di Emergenza 112, ove hanno rilevato la presenza di una scala appoggiata alla finestra dell’abitazione luogo dei fatti segnalati.

Successivamente, dopo aver bussato insistentemente alla porta di casa, i Carabinieri sono stati accolti dall’uomo, visibilmente agitato, che ha riferito di aver avuto un normale diverbio con la propria compagnia, ovviamente i militari hanno voluto vederci chiaro pretendendo di parlare direttamente con la donna.

Quest’ultima ha dapprima tentato di evitare il confronto con i carabinieri, ma alla fine ha accettato di parlare con loro mostrando una evidente ecchimosi al volto, esito dell’aggressione patita poco prima da parte del suo ex, che si era introdotto all’interno dell’abitazione dalla finestra e che l’aveva svegliata bruscamente iniziando a colpirla ripetutamente a pugni.

La donna ha inoltre ammesso che simili episodi di violenza si erano già verificati anche in passato e che l’uomo non voleva rassegnarsi alla fine della loro relazione.

A questo punto i carabinieri, dopo essersi premurati che la donna si sottoponesse alle cure dei sanitari, hanno condotto l’uomo -soggetto già noto, con precedenti per spaccio di droga- in Stazione, per le incombenze del caso.

Giunto in caserma, durante la stesura del verbale, l’uomo ha estratto delle forbici per unghie e ha iniziato a infliggersi delle ferite, minacciando di uccidersi e inveendo contro i Carabinieri che cercavano di calmarlo.

Approfittando di una sua distrazione, i militari lo hanno bloccato e ammanettato.

Sottoposto a perquisizione, gli sono stati rinvenuti indosso quasi nove grammi di cocaina suddivisi in sette dosi pronte per la vendita.

Il 40enne, attualmente ristretto in camera di sicurezza, dovrà inoltre rispondere del reato di violenza e resistenza a pubblico ufficiale, nonché di detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio.