IL PUNTO

Coronavirus, in Trentino ancora 13 morti. Mascherine di carta nei supermercati. Boom del bonus

La situazione aggiornata a lunedì 6 aprile. I nuovi contagi sono stati 69. Mascherine: l'utilizzo obbligatorio nei supermercati scatta da domani. Fugatti: "Si tratta di mascherine inviate dalla Protezione civile per un utilizzo limitato alla mezz'ora necessaria per la spesa". In un solo giorno arrivate 5.682 domande di bonus alimentare, con una media di 15-16 al minuto

TRENTO. Ancora 13 morti per Coronavirus in Trentino, numero che porta il totale a 230. I nuovi contagi salgono invece di 69 unità (ieri erano stati 58), dimostrando una stabilizzazione al ribasso.

L'aggiornamento oggi, lunedì 6 aprile, durante la conferenza stampa della task force Covid della Provincia.

 

Le vittime sono di Arco (2), Levico, Bleggio, Riva, Predazzo, Trento (2), Rovereto, Cles, Cavedago, Aldeno e Borgo Valsugana.

In terapia intensiva 79 persone, a fronte del centinaio di posti disponibili. Sono 324 i pazienti nelle Rsa, 151 nelle case di cura, 1679 a domicilio, 353 negli ospedali. Guarite 281 persone.

I casi positivi sul territorio sono così distribuiti: 261 ad Arco, 136 a Ledro, 173 a Pergine, 394 a Trento, 95 a Rovereto.

 

"Il Trentino non ha dovuto scegliere su chi far entrare in terapia intensiva", ha detto il governatore Maurizio Fugatti riferendosi al dibattito di questi giorni. Il direttore dell'Apss Paolo Bordon ha aggiunto: "Non c'è una scelta fra giovane e anziano: abbiamo una disponibilità abbondante di posti e abbiamo superato il picco dei ricoveri in rianimazione. C'è una valutazione del clinico rispetto all'opportunità e all'utilità di una metodica così invasiva".

Ieri sono state 2142 le persone controllate, 155 le sanzioni irrogate, 873 gli esercizi controllati.

In corso la distribuzione di mascherine nelle abitazioni. Scatta da domani l'utilizzo obbligatorio nei supermercati: "Si tratta di mascherine (quelle bianche di carta che vedete nelle foto, ndr) inviate dalla Protezione civile per un utilizzo limitato alla mezz'ora necessaria per la spesa. Sono diverse da quelle azzurre che riceverete a casa", ha detto il governatore.

Il Soccorso alpino ha salvato oggi un alpinista a Campiglio: "Si è costretto l'elicottero ad intervenire distogliendo dei professionisti dal loro impegno. Invitiamo ancora a non trasgredire le regole, per non avere ripercussioni negative fra 15 giorni".

"Oggi ho incontrato degli alpini in piazza Dante: sono anche loro in prima linea e li ringraziamo".

 

Mario Palumbo, comandante della Finanza ha spiegato: "Abbiamo controllato 2122 persone, sanzionandone 85 perché su strada senza giustificato motivo. Gli esercizi commerciali controllati sono quelli purtroppo costretti a restare inattivi e quelli che possono operare, dove verifichiamo la presenza dei requisiti".

 

Bordon ha fatto il punto sui sanitari dell'Apss contagiati. Sono 185: 23 i medici, 145 gli operatori sanitari, i restanti sono amministrativi. 

Due sono ricoverati, uno in ventilazione invasiva. La percentuale sui tamponi eseguiti è del 5,95%.

Quanto agli specialisti ambulatoriali e alle guardie mediche (che non sono dipendenti Apss), 25 i positivi, dei quali 4 ricoverati: 1 in ventilazione invasiva e 2 non invasiva.

 

Partita una sperimentazione all'Azienda di Udine per l'uso di ozono nella terapia: il Trentino ha preso contatti per seguire anche questa strada.

Oggi sono stati 654 i tamponi esaminati. E' partita la produzione del Cibio: oggi sono stati prodotti 3-400 tamponi. La Fondazione Mach partirà in settimana. L'obiettivo è di arrivare a 1500 al giorno.

Un ospedale di valle sarà scelto a breve per svolgere attività chirurgica elettiva programmata.

 

Renzo Franch, primario di medicina interna e pronto soccorso a Cles ha raccontato qual è la situazione nel suo ospedale: "Anche qui ci siamo riorganizzati fin da subito e siamo stati ben supportati dalla direzione aziendale, anche sulla fornitura di dispositivi. Abbiamo liberato tutto il terzo piano destinandolo ai pazienti Covid. Sono 6 i posti per i pazienti in attesa di tampone, 35 di degenza ordinaria, dei quali 6 con supporto ventilatorio non invasivo. Vista la salita dei contagi, sono stati predistosti altri 30 posti letti a ortopedia e chirurgia che finora non abbiamo utilizzato".

"Attualmente ci sono 27 ricoverati, 3 dei quali in ventilazione. Siamo in una fase di equilibrio in cui i dimessi sono superiori ai ricoverati".

"I pazienti Covid sono estremamente fragili, soprattutto dal punto di vista umano: sono stati isolati da un giorno all'altro e vedono attorno a loro un viavai di persone con tute "da palombaro". Abbiamo scritto i nostri nomi sui camici e ormai ci chiamano tutti per nome. Abbiamo ricevuto due iPad per le videochiamate con i familiari. Sono stati attivati anche percorsi di riabilitazione con un riscontro positivo".

 

L'assessora Stefania Segnana ha comunicato che "sono arrivate oggi (a partire dalle 9: era il primo giorno) 5.682 domande di bonus alimentare, con una media di 15-16 al minuto. Saranno inviate ai servizi sociali.

E' stato anche firmato un protocollo per mettere a dispozione Osa, Oss e Ota, che su base volontaria andranno a dare un aiuto nelle Rsa.

 

Maria Grazia Zuccali, direttrice Igiene e sanità pubblica dell'Apss, ha spiegato che per dichiarare la guarigione è necessario risultare negativi in due tamponi.

La mascherina distribuita a casa è fatta per essere usata il breve periodo necessario all'uscita giornaliera e potrà poi essere sanificata con dell'alcol.

In questo periodo procedono con regolarità i vaccini dei minori di 2 anni. (l.m.)