l'allarme

Cna: “Green Pass, serve un piano B per le aziende”

Corrarati: “Il 15 ottobre tanti lavoratori non saranno vaccinati, non possiamo permetterci altri stop”

BOLZANO. Mancano 20 giorni al 15 ottobre, data in cui scatterà l'obbligo di Green Pass sui luoghi di lavoro. E la Cna del Trentino Alto Adige lancia l’allarme: “Molti lavoratori per quella data non saranno vaccinati, bisogna mettere in campo un piano per evitare il caos nelle aziende".

La Cna ricorda  di aver indicato fin da subito le criticità legate all'introduzione dell'obbligo di Green Pass sul posto di lavoro, in particolare per le aziende con meno di 15 dipendenti.

"Dopo l' allarme lanciato oggi dalle pagine di stampa dal direttore della Asl Florian Zerzer che avverte come la Azienda Sanitaria altoatesina non sarà in grado di garantire un numero così alto di tamponi (la stima parla di 110 mila persone), l'Unione Artigiani chiede con urgenza di sedersi ad un tavolo e utilizzare le prossime settimane per mettere in piedi un piano B”.

"Non possiamo permettere che le nostre aziende debbano fermarsi ancora una volta - afferma il presidente di CNA Trentino Alto Adige Claudio Corrarati – pur rimanendo convinti che la campagna vaccinale sia la strada da seguire, bisogna prendere atto che il 15 ottobre molti lavoratori non saranno vaccinati. E' necessario che la macchina organizzativa si metta subito in moto per non farci trovare impreparati. Noi come CNA SHV - conclude Corrarati - siamo pronti a dare il nostro contributo per cercare, insieme, di contenere i danni alla nostra economia".