la pandemia

Blocco austriaco al Brennero: arriva l'esercito

Allestito nel Top Stop dell’autoporto Sadobre un nuovo presidio sanitario deciso dal Ministero della Difesa

TRENTO. Continua lungo la A22 la delicata gestione del traffico autostradale in uscita dall’Italia al Brennero, resa particolarmente complessa dalla decisione delle Autorità austriache di negare il transito verso la Germania ai viaggiatori sprovvisti di certificato - rilasciato nelle 48 ore precedenti - che ne attesti la negatività al Covid-19.

A supporto del presidio sanitario messo a disposizione della Provincia Autonoma di Bolzano per eseguire i tamponi rapidi, questa mattina è arrivato a Vipiteno anche il personale del Comando Truppe Alpine dell’Esercito, che ha subito attivato un nuovo presidio all’interno del Top Stop dell’autoporto Sadobre, struttura confinante con la barriera autostradale.

L'esercito al Brennero dopo il blocco anti-Covid deciso dall'Austria

E' arrivato anche l'esercito per cercare di risolvere la situazione di caos al confine dopo la decisione delle autorità austriache di negare il transito verso la Germania ai viaggiatori sprovvisti di certificato - rilasciato nelle 48 ore precedenti - che ne attesti la negatività al Covid-19

L'attività condotta all’interno dell’autoporto Sadobre si inserisce nel quadro dell’Operazione Igea, che vede schierati sul territorio nazionale i DTD (Drive-through-Difesa). Si tratta di presidi sanitari messi a disposizione dal Ministero della Difesa, in collaborazione con il Ministero della Salute. L’unità attivata stamani è costituita da personale medico e sanitario effettivo al 5° reggimento alpini di stanza a Vipiteno.

Nonostante gli sforzi, il traffico commerciale in uscita dall’Italia risulta ancora drasticamente contingentato. Per evitare di esporre gli autisti dei mezzi pesanti a lunghe e pericolose code in autostrada in prossimità del confine, a temperature di molto al di sotto dello zero, il filtro predisposto nella stazione autostradale di Verona nord è tutt’ora attivo: il traffico in carreggiata nord viene fatto uscire, consentendo di proseguire ai viaggiatori diretti all’estero solo se in possesso del certificato di negatività al Covid-19. Analoghi controlli vengono effettuati, in ingresso, nelle stazioni autostradali a nord di Verona.

I viaggiatori diretti in Austria e Germania sono pregati di dotarsi della documentazione necessaria prima di mettersi in viaggio, tenendo presente che questa verrà ritenuta valida oltre il confine italiano solo se redatta anche in una delle seguenti lingue: tedesco, inglese, o francese.