le previsioni

Allerta gialla in Alto Adige per incendi, frane, temporali e caldo torrido

Per oggi e per i prossimi giorni il Centro funzionale provinciale dell’Agenzia per la Protezione civile ha dichiarato lo stato di allerta gialla



BOLZANO. Per tre eventi meteorologici e naturali di oggi, 20 giugno, e nei prossimi giorni il Centro funzionale provinciale dell'Agenzia per la Protezione civile ha dichiarato lo stato di allerta giallo.

Ciò significa che eventi su piccola scala possono verificarsi in modo violento e improvviso, spiega Willigis Gallmetzer, direttore del Centro.

A causa della persistente siccità, vi è attualmente un alto rischio di incendi boschivi.

A causa delle alte temperature possono verificarsi temporali isolati, che possono essere anche violenti a livello locale, soprattutto oggi, domani e dopodomani, riferisce Günther Geier, dell'Ufficio meteorologia e prevenzione valanghe: "Classifichiamo il potenziale di pericolo come giallo se la tendenza temporalesca supera una certa soglia e vi è il potenziale per temporali localmente forti".

A causa dei temporali previsti, in questi giorni c'è il rischio di frane e di smottamenti di fango, riferisce Stefan Ghetta, dell'Ufficio idrologia e le dighe. Dove si verifica un violento temporale, c'è un'alta probabilità di una colata detritica. L'elevata intensità delle precipitazioni può portare a instabilità locali, che prendono la forma di frane o di smottamenti di fango.

Da nove mesi i fenomeni meteorologici e gli eventi naturali in Alto Adige vengono valutati quotidianamente dal Centro funzionale provinciale dell'Agenzia per la Protezione civile e pubblicati nel Bollettino di allerta. Le previsioni meteorologiche dei meteorologi costituiscono la base per la valutazione e quindi gli idrologi, i geologi e le autorità forestali stimano il possibile pericolo di eventi naturali. Con questi dati e informazioni il Centro funzionale provinciale pubblica quotidianamente il Bollettino di allerta al quale ci si può ovviamente abbonare, si legge in una nota della Provincia. 

















Cronaca







Dillo al Trentino