violenza sulle donne

A Trento e Rovereto nascerà un Centro per uomini violenti

Percorso sospeso qualche anno fa. L’assessora Segnana: «Il progetto riparte grazie a risorse nazionali che coprono le spese iniziali»

I NUMERI IN TRENTINO. Nel 2021 aumentati del 72% gli accessi al Pronto soccorso, crescono denunce e ammonimenti



TRENTO. La Provincia di Trento sta lavorando con Famiglia materna e con il Centro Alfid sul tema degli "uomini maltrattanti", con un Centro per uomini autori di violenza che sarà attivo a Trento e a Rovereto. L'ha reso noto l'assessora provinciale alla salute Stefania Segnana, a margine della presentazione dei dati 2021 sulla violenza sulle donne.

"È un percorso che era iniziato qualche anno fa, poi era stato sospeso e adesso l'abbiamo ripreso con delle risorse nazionali: un importo importante che riesce a coprire le spese iniziali. Per il prossimo anno dovremo integrare con risorse provinciali, ma c'è la piena disponibilità, da parte nostra, a continuare il progetto", ha affermato Segnana.

L’assessora ha parlato delle azioni portate avanti, a partire dalla formazione delle istituzioni che lavorano a contatto con le persone. "Si parla di 254 persone tra forze dell'ordine, assistenti sociali e assistenti della sanità, con incontri distribuiti sul territorio provinciale. C'è poi la formazione anche degli insegnanti, che sono a contatto con i bambini, che potrebbero assistere o anche subire violenza", ha aggiunto Segnana. 













Scuola & Ricerca

In primo piano

il caso

Il ministro Nordio: «Chico Forti, lavoriamo per il suo ritorno in Italia il prima possibile»

Il Guardasigilli: «Atteso traguardo di consentirgli di scontare la pena nel suo Paese e vicino suoi affetti» (nella foto Chico con lo zio Gianni Forti)

IL PRECEDENTE Nordio: "Gli Usa non dimenticano il caso Baraldini"
COMPLEANNO Chico Forti, 64 anni festeggiati in carcere: "Grazie a chi mi è vicino" 
IL FRATELLO DELLA VITTIMA Bradley Pike: "E' innocente"

CASO IN TV La storia di Chico in onda negli Usa sulla Cbs