La Cassa Rurale premia gli studenti più impegnati nello studio

Cavalese. La Cassa Rurale Val di Fiemme guarda ai giovani, riconoscendone impegno e buona volontà. E non lo fa solo a parole. Dopo l’abbassamento della quota di ingresso (da 223 a 70 euro) per i...

Cavalese. La Cassa Rurale Val di Fiemme guarda ai giovani, riconoscendone impegno e buona volontà. E non lo fa solo a parole. Dopo l’abbassamento della quota di ingresso (da 223 a 70 euro) per i candidati fino ai 30 anni che vogliono diventare soci, la Cassa Rurale Val di Fiemme ha rinnovato anche quest’anno i bandi per l’assegnazione dei premi e delle borse di studio. Si tratta di riconoscimenti riservati ai soci o ai figli di soci che hanno terminato un percorso di studio con buoni risultati o che hanno deciso di investire in un’esperienza di studio all’estero. La borsa di studio per soggiorni all’estero da tre a sei mesi è di 400 euro, mentre quella per soggiorni all’estero di durata superiore a sei mesi ammonta a 800 euro.

Il premio per chi ha superato gli esami con un punteggio pari o superiore al 90% del voto massimo previsto è pari a 200 euro per le qualifiche professionali e a 250 euro per i diplomi professionali. Gli studenti che hanno ottenuto il diploma di maturità, sempre con voto pari o superiore al 90%, riceveranno come premio un viaggio organizzato dalla Cassa Rurale nella primavera del 2020, quale esperienza di crescita e opportunità per creare nuove relazioni. Eccezioni al voto minimo richiesto sono previste per chi pratica un’attività sportiva a livello agonistico (80%) o è impegnato nel volontariato (85%).

I regolamenti e i moduli di richiesta per borse e premi di studio sono scaricabili dalla App Fiemme Insieme disponibile negli App Store e in Google Play, o consultabile in formato EPaper dal sito internet www.crvaldifiemme.it. Le domande devono essere presentate presso le filiali della Cassa Rurale Val di Fiemme entro il termine del 30 settembre complete di tutta la documentazione richiesta.