diocesi

Don Ivan Maffeis nominato vescovo di Perugia

La scelta di papa Francesco. Originario di Pinzolo, era tornato a Rovereto nel 2020 dopo dieci anni alla Cei: prende il posto di Gualtiero Bassetti

CHI E'. Don Ivan Maffeis, il giornalista diventato vescovo



TRENTO. Don Ivan Maffeis è il nuovo vescovo di Perugia e Città della Pieve. Originario di Pinzolo, 58 anni, era tornato a Rovereto nel 2020 dopo 10 anni trascorsi a Roma alla Conferenza episcopale.

L’annuncio è stato dato oggi (16 luglio), in una conferenza stampa convocata dal vescovo di Trento don Lauro Tisi. Conferenza stampa convocata anche nella cattedrale di Perugia da monsignor Marco Salvi. Ma la notizia era già trapelata dai giornali umbri.

"Una nomina che cambia le attese. Sarei rimasto in Trentino a camminare tra la gente in questo periodo non facile di pandemia. Sento la responsabilità che mi è stata affidata", le prime parole di don Maffeis.

La nomina arriva da Papa Francesco. Don Ivan Maffeis è il successore del cardinale e vescovo di Perugia Gualtiero Bassetti. I due hanno avuto una lunga e proficua collaborazione alla Cei, dove Maffeis era responsabile delle comunicazioni sociali.

Dopo più di dieci anni di impegno alla Cei, Maffeis aveva fatto ritorno in Diocesi di Trento: sarà parroco delle comunità di Rovereto-S. Marco e S. Famiglia, Trambileno, Vanza, Noriglio, Terragnolo.

Già direttore del settimanale della Diocesi Vita Trentina, don Ivan lasciò Trento nel 2009 per diventare Vicedirettore dell’Ufficio Comunicazioni Sociali della Cei che passò poi a dirigere nel maggio 2015 (fino a settembre 2019) anche con il ruolo di Portavoce dei vescovi. A ottobre dello stesso anno venne nominato Sottosegretario della Cei.

















Cronaca

LE FOTO

Ossana dei 1600 presepi: c'è quello dedicato agli eroi della pandemia

Oltre 1.600 presepi si snodano tra i vicoli e nelle case di Ossana, realizzati da artisti e residenti con materiali spesso inconsueti come sementi , stoffe, legno e cera d'api. Spicca quello dedicato a operatori sanitari e volontari che, durante la pandemia, hanno salvato delle vite sacrificando la propria. LE FOTO







Dillo al Trentino