IL FATTO

Bolzano, furto in casa, fermate due giovani. Bottino recuperato grazie alle fedi nuziali

Le ragazze avevano un rigonfiamento sospetto sotto la maglietta

BOLZANO. Agenti della squadra mobile della questura di Bolzano, durante un servizio di pattugliamento nella zona dei giardini della stazione ferroviaria, hanno fermato due ragazze notando un rigonfiamento sospetto sotto la maglietta. Accertato che si trattava di due nomadi provenienti da fuori regione, le giovani sono state portate in questura e perquisite: avevano con sè un grosso cacciavite e numerosi monili in oro, orologi e denaro contante.

Dai nomi di battesimo e dalla data di matrimonio su due fedi nuziali, i poliziotti sono risaliti ai proprietari residenti a Bolzano nella zona di Corso Libertà, i quali, usciti per delle commissioni, non si erano ancora accorti del furto presso il loro appartamento.

Le due donne, E.S. di 19 anni, originaria di Reggio Emilia e S.N. di 17 anni, di origine croata, sono state denunciate all'autorità giudiziaria per ricettazione e possesso di arnesi atti allo scasso e quindi allontanate dalla città.