L'ADUNATA

E' l'Adunata della pace: Italia e Austria unite per ricordare tutte le vittime della Grande Guerra

Al cimitero di Trento, assieme a Mattarella, il console generale austriaco e i rappresentanti di Schützen e Croce Nera

LA 91.ma ADUNATA: TRENTO IN FESTA PER LE PENNE NERE

LE FOTO: Tutti col naso all'insù, arrivano i paracadutisti - Le penne nere "invadono" Trento Facce da alpini all'Adunata di Trento - Rovereto. Alpini e Schützen sfilano assieme

I VIDEO: La Brigata alpina "Cadore" sfila in via Verdi - Cori alpini, splendida esibizione in centro città - Ladri al campo alpino: rubato anche il cappello - La sfilata per le vie di Rovereto

A BOLZANO: Scritte contro gli alpini sul muro della sede dell'Ansa

TRENTO. Un'Adunata della pace, quella del centenario dalla fine della Grande Guerra, nel nome di tutti i caduti, senza distinzioni di nazionalità. Molto significativo è stato un momento in particolare.

Ad attendere il Capo dello Stato Mattarella al cimitero monumentale di Trento c'era anche il console generale austriaco, Wolfgang Spadinger, così come il vicepresidente nazionale della Croce Nera austriaca, Walter Murauer e il comandante della Federazione degli Schuetzen del Trentino (milizie storiche del Tirolo), Ezio Cestari.

Contribuire ad eliminare, una volta per tutte, le divisioni che i conflitti del Novecento hanno lasciato - in alcuni casi residui - come nocive incrostazioni. Questo era l'obiettivo dell'adunata ed è stato raggiunto.