Abitare alla luce del sole

Vivere in mansarda può essere la scelta ideale per guadagnare spazio, abbattere i consumi e migliorare il proprio benessere, baciati dal sole

Un tempo considerato spazio male illuminato e poco confortevole in cui vivere, il sottotetto è invece una risorsa dalle grandi opportunità da sfruttare. Per la sua posizione privilegiata, a contatto diretto con la luce naturale e lontano da sguardi indiscreti o edifici che ostacolino la vista panoramica, la soffitta può essere trasformata in un ambiente luminoso e bello da abitare. Ristrutturare il sottotetto permette di ampliare lo spazio abitativo, migliorare la qualità della vita ma anche di aggiungere valore all’immobile grazie alle apposite leggi regionali e sconti fiscali che ne incentivano il recupero. Per ristrutturare al meglio l’ultimo piano occorre prima di tutto rivolgersi ad un esperto qualificato (architetto, ingegnere, geometra), che verificherà la presenza dei requisiti necessari e la fattibilità dell’intervento, in rispetto delle eventuali leggi regionali in materia. Il sottotetto è la porzione di un’abitazione più a contatto diretto con il cielo, quindi ogni suo ambiente può sfruttare appieno l’irraggiamento della luce naturale indipendentemente dall’orientamento dell’edificio. Inoltre senza la presenza di ostruzioni esterne, quali altri edifici o alberi, la quantità di luce in ingresso nel piano attico è assai maggiore rispetto a quella che penetra nei piani più bassi.



Con un’intelligente progettazione e l’installazione di finestre zenitali giuste, una mansarda può diventare la zona più illuminata di una casa. La luce naturale, oltre ad essere uno dei requisiti per l’abitabilità -la cui soglia minima imposta varia da Regione a Regione, accresce il valore dell’immobile (fino al 10% in più) e consente di risparmiare energia, ma soprattutto ha un forte impatto sul benessere psicofisico. Gli esperti della comunità scientifica hanno ormai accertato che alla luce del sole si vive meglio, ad esempio incide positivamente sull’umore favorendo la produzione di serotonina, aiuta a dormire meglio, aumenta la concentrazione e stimola la creatività. Benefici di cui si può godere se si vive in mansarda.


Per ottenere un livello qualitativamente elevato di illuminazione naturale, Velux, marchio leader nella progettazione e realizzazione di finestre per tetti, offre alcuni suggerimenti: privilegiare soluzioni con punti luce distribuiti, posizionando una finestra anche nella parte bassa del tetto in modo da illuminare le zone più profonde dell’ambiente e favorire una più efficace ventilazione; nel caso di ambienti con tetti a due falde, meglio posizionare le finestre su entrambe: da un lato in basso, dall’altro vicino alla linea di colmo, per garantire una distribuzione omogenea della luce (preferibile frammentare la superficie vetrata: 4 finestre distribuiscono il 40% di luce in più rispetto a 2); scegliere vetri con trasparenza superiore al 70% e privilegiare finestre con telai sottili o monoanta, in modo da massimizzare la superficie vetrata. Una corretta progettazione della luce naturale all’interno di una mansarda ha un ruolo importante anche in campo energetico, consente infatti di risparmiare energia elettrica e avere bollette più leggere. L’impatto ambientale ed economico per quanto riguarda i consumi energetici è ancora più inferiore nelle smart home, edifici intelligenti grazie all’utilizzo delle fonti rinnovabili (pannelli solari termici e fotovoltaici, impianti geotermici) e alla dotazione di impianti di domotica. Ad esempio le finestre a bilico Velux Integra solari sono ideali per chi cerca il massimo del comfort. Sono a funzionamento solare: un sistema di controllo automatico, alimentato da una cella fotovoltaica posta all’esterno le apre e chiude senza doversi collegare alla corrente.

Un vantaggio dal punto di vista del risparmio dei consumi energetici ma anche per il rispetto dell’ambiente. Consigliate per tetti con inclinazione compresa tra 15° e 90°, si azionano attraverso un control pad touch screen, che permette di scegliere tra 8 programmi predefiniti, ma se ne possono creare di personalizzati. Il battente della finestra può comunque essere aperto manualmente e ruotato di 180° per la pulizia del vetro esterno. Essendo dotate di sensore pioggia, le finestre solari si chiudono da sole alle prime gocce d’acqua. Prevedono inoltre vetri stratificati interni di sicurezza conformi alla normativa EN ISO 7697, mentre il sistema Thermo Tecnology ne potenzia le prestazioni isolanti contro intemperie e dispersioni di calore. Per non comprometterne le prestazioni e il benessere all’interno della mansarda, la posa in opera deve essere effettuata solo da professionisti Velux.