il caso

Djokovic potrebbe chiedere un risarcimento da 3,8 milioni

I  media serbi riportano di una possibile causa al governo australiano per "cattivo trattamento"

BELGRADO


BELGRADO. Novak Djokovic potrebbe far causa al governo australiano chiedendo un risarcimento di 3,8 milioni di euro per il cattivo trattamento subito a suo avviso durante la disputa giudiziaria dei giorni scorsi conclusasi con la sua espulsione dall'Australia per ragioni sanitarie, dal momento che il tennista numero uno al mondo non è vaccinato contro il Covid.

A riferirlo sono oggi i media serbi.

Il campione starebbe valutando tale ipotesi con i suoi legali.

Le lamentele, riferiscono i media, riguarderebbero in particolare le condizioni in cui Djokovic sarebbe stato trattenuto nel centro per immigrati irregolari di Melbourne, una stanza che, secondo la madre del tennista, sarebbe stata infestata da insetti. 

















Cronaca







Dillo al Trentino