BRESSANONE

Omicidio di Bressanone, il marito aveva un biglietto in tasca: "Sono un assassino"

Il giudice Pelino ha convalidato l'arresto dell'uomo che era sposato con la donna di 57 anni trovata morta in casa.

IL VIDEO - Il giudice Pelino ricostruisce la dinamica dell'accaduto

BRESSANONE. E' stato convalidato dal giudice Walter Pelino l'arresto del marito della donna di 57 anni trovata morta in casa a Bressanone.

La donna uccisa nel suo appartamento a Bressanone è Monika Gruber, di 57 anni. Nel carcere di Bolzano si trova attualmente suo marito Robert Kerer, di 58 anni.

L'uomo non ha risposto alle domande degli inquirenti ma nella sua tasca è stato un biglietto più che eloquente: "Io sono un assassino", con scritto il nome della moglie e l'indirizzo della abitazione in cui è avvenuto l'omicidio, nel residence Dominik.

Donna uccisa a Bressanone, carabinieri al lavoro nell'abitazione della vittima

Proseguono le indagini dei carabinieri nell'appartamento di Bressanone, presso il Residenz Dominik, dove è stato ritrovato il corpo senza vita di una 57enne del posto. In stato di fermo il marito della vittima. 

Secondo la prima riscostruzione delle forze dell'ordine, l'omicidio risalirebbe a due giorni fa. L'uomo è stato rintracciato in stato confusionale in stazione a Bressanone dopo che era stato ritrovato il corpo senza vita della donna ed era scattato l'allarme. Il biglietto ritrovato in tasca con scritto "io sono un assassino" potrebbe essere la prova che l'uomo aveva intenzione di farla finita.