DOPPIA TRAGEDIA

Montagna, sabato nero in Alto Adige: due morti sotto le valanghe

Un giovane di 21 anni di Valdaora ha perso la vita in Valle Aurina facendo fuoripista, mentre un 35enne di Novara è morto durante la scalata di una cascata di ghiaccio in Val Gardena

LA GIOVANE VITTIMA: Jakob Pallhuber tradito dalla montagna che tanto amava

IL VIDEO - Soccorritori in azione a Monte Spico per sei sciatori finiti sotto una valanga: uno di loro non ce l'ha fatta

BOLZANO. Un giovane di 21 anni è morto sotto la valanga che in mattinata si è abbattuta su Monte Spico, in Valle Aurina. L'incidente è avvenuto durante un fuoripista a 2.400 metri di quota. La vittima è Jakob Pallhuber, un ragazzo, classe '97, di Valdaora, in Val Pusteria.

Era in compagnia di un gruppo di amici quando la slavina si è staccata, inghiottendo sei sciatori. Cinque di loro sono stati estratti vivi. Inutili, per il ragazzo altoatesino, i tentativi di rianimazione del medico d'urgenza sul posto.

Tragedia a Monte Spico, sei sciatori sotto la valanga: morto uno di loro

Le operazioni degli operatori del Soccorso alpino, Aiut Alpin Dolomites e Vigili del fuoco volontari di Campo Tures e San Giovanni Valle Aurina, dopo la valanga staccatasi a Monte Spico, in Valle Aurina, accanto alla pista Sonnklar del comprensorio Speikboden. La slavina ha inghiottito sei sciatori che facevano fuoripista. Mentre cinque di loro sono stati estratti vivi, il sesto non ce l'ha fatta: si tratta di un 21enne di Valdaora (video Facebook Ivan Divenuto) 

Il secondo morto sulle montagne dell'Alto Adige si è invece registrato in Vallunga, una laterale della Val Gardena. Un 35enne di Novara è stato travolto da una valanga mentre stava scalando una cascata di ghiaccio. L'uomo è stato trascinato dalle masse nevose per centinaia di metri ed è morto sul colpo.

L'incidente si è verificato poco lontano dal centro di addestramento alpini dei Carabinieri. Sul posto sono intervenuti gli uomini del Soccorso alpino e un elicottero.