Lavis continua a crescere superati i 9 mila residenti 

Il saldo positivo è dovuto sia al numero delle nascite sia all’arrivo di persone che prima abitavano in un altro comune. Sfiorata la parità tra maschi e femmine

di Daniele Erler

LAVIS. La popolazione di Lavis cresce ancora e raggiunge il record nel numero dei residenti. Nel corso del 2018 si è superata la soglia dei novemila abitanti: per la precisione ora sono 9.032, un anno fa 8.969. L’aumento è stato di 63 persone in un solo anno, ma è ancora più percettibile se si fa un confronto sul lungo periodo. Nel gennaio del 2014, i residenti a Lavis erano 8.848: in 5 anni sono aumentati di 184 unità. I numeri sono stati elaborati dall’anagrafe del Comune e sono aggiornati al primo di gennaio.

L’aumento di popolazione è un dato che rispecchia il numero delle persone che si sono trasferite a Lavis da un altro paese. Ma c’è anche il dato confortante del saldo naturale che a differenza di quello che succede a livello nazionale a Lavis è positivo, anche se di poco. Significa che i nati sono stati nel 2018 più dei morti. La cicogna è scesa su Lavis 87 volte: per 44 femminucce e 43 maschietti. I morti sono stati invece 85, di cui 45 femmine e 40 maschi. Guardando ai residenti totali, oggi c’è una quasi totale parità di genere: con 4.517 donne e 4.515 uomini. Crescono gli stranieri: sono 890, un anno fa erano 883, e sfiorano il 10 per cento della popolazione totale. I neonati stranieri sono stati 19, mentre fra i morti solo uno non era italiano. Nel calcolo generale bisogna poi considerare gli stranieri diventati italiani nel 2018 (25), i nuovi iscritti all’anagrafe (122) e i cancellati (108). La nazione più rappresentata è la Romania (186 residenti), seguita poi dal Marocco (91), dall’Albania (87) e dalla Macedonia (73). In totale, sono una sessantina le nazionalità che a Lavis hanno almeno un rappresentante. Provengono da quattro continenti diversi: Europa, Africa, America ed Asia.

Come succede quasi sempre ormai da diversi anni, nel 2018 si sono celebrati più matrimoni civili (14) che religiosi (10). Il dato totale, 24 celebrazioni, è praticamente identico a quello dell’anno prima (23). In crescita il numero di residenti nel capoluogo di Lavis (7.150, erano 7.080), diminuiscono quelli di Pressano (916, erano 923), dei Sorni (410, erano 406) e di Nave San Felice (556, erano 560).

Il ritratto fornito dall’anagrafe è praticamente lo stesso ogni anno. Il numero di residenti a Lavis continua ad aumentare senza sosta. Nel secondo Dopoguerra gli abitanti erano circa 3.500. Trent’anni fa erano 6.500 circa. Ma nel frattempo la borgata è cambiata profondamente. Sono sorti nuovi quartieri residenziali ed è diminuito lo spazio coltivato. Anche la zona industriale – una delle più importanti del Trentino – nel tempo ha fatto da calamita per nuovi abitanti. Quello che era un paesino è oggi quasi una piccola città, con più di novemila abitanti.