L’orso banchetta con tre pecore 

Nuovo attacco nel Chiese denunciato dai cacciatori. A Sella invece slitta l’incontro con Dallapiccola

di Stefano Marini

VALLE DEL CHIESE. A quanto pare gli orsi che da inizio estate imperversano per le montagne della Valle del Chiese hanno colpito ancora. Nella notte fra domenica e lunedì sarebbe stato attaccato un gregge di pecore che stazionava nella zona di Malga Ringia. Se confermato, si tratterebbe dell'ennesimo evento di questo genere. Una situazione vissuta con trepidazione da buona parte della popolazione della valle, che aspettava di discuterne ieri sera con l'assessore provinciale all'agricoltura Michele Dallapiccola, in un apposito incontro previsto a Sella Giudicarie. Occasione è però sfumata, visto che la serata è stata rinviata in attesa di poter dare buone notizie alla popolazione.

A denunciare il nuovo attacco sono stati i "Cacciatori Giudicariesi" tramite un messaggio sulla loro pagina Facebook. Mancano però conferme da parte della Forestale e quindi il condizionale è d'obbligo, sebbene le circostanze descritte appaiano verosimili. Facile credere che gli orsi che hanno stabilito il loro territorio di caccia in Val del Chiese non ne vogliano proprio sapere di lasciare in pace gli animali d'allevamento, nei quali evidentemente vedono prede facili, quasi fossero "pasti pronti" da divorare senza far troppa fatica. Questa volta ad essere colpita sarebbe stata Malga Ringia, sopra l'abitato di Por, nel Comune di Pieve di Bono - Prezzo. Difficile però raccogliere altri dettagli rispetto al periodo in cui deve essere avvenuta l'incursione, se non il rendiconto finale, che parlerebbe di 3 pecore scomparse.

Sempre a tema orsi, ma sul versante politico, lunedì sera a Sella Giudicarie si attendeva la visita dell'assessore provinciale Dallapiccola che avrebbe dovuto affrontare l'argomento in una serata di confronto con la popolazione. L'incontro è invece saltato, come richiesto dal sindaco di Sella, Franco Bazzoli.

«Sono stato io a chiedere che l'incontro con l'assessore Dallapiccola fosse rinviato e questa mia richiesta ha trovato l'assenso della Provincia - afferma Bazzoli - penso che per fare un incontro con la popolazione su un tema "caldo" come quello dell'orso sarebbe opportuno poter dare notizie concrete e positive ai cittadini. Al momento la forestale sta cercando di catturare i plantigradi, fin ora però gli animali sono riusciti ad eludere le trappole. L'incontro con l'assessore si farà, al momento è semplicemente stato rinviato a data da destinarsi».