TRENTO

De Stefani, lo psichiatra amico dei matti

Protagonista dell'apertura dei manicomi, va in pensione dopo oltre 40 anni di lavoro

TRENTO. Dopo oltre quarant’anni di lavoro lo psichiatra Renzo De Stefani a fine mese andrà in pensione. Fra pochi giorni compirà 70 anni e lascerà la guida del servizio di salute mentale dal 1° febbraio.

De Stefan arrivò al manicomio di Pergine nel maggio del 1978, appena in tempo per chiuderlo in seguito alla legge Basaglia. Una coincidenza significativa, o no? " Fu una coincidenza, proprio in quel periodo avevo vinto un concorso, ma fu anche l’inizio di una fantastica scommessa per un medico - come me - innamorato dell’idea di liberare i matti. Ricordo il giorno che dissi al direttore dell’ospedale, Giorgio, dovremmo cominciare ad aprire le porte dei reparti. Ricordo le forti resistenze della popolazione e dei parenti dei pazienti. E anche la prudenza delle autorità sanitarie. I matti in quegli anni facevano davvero paura".

L'intervista integrale sul nostro giornale in edicola oggi.