OMICIDIO

Trento, ucciso a coltellate in appartamento

La vittima è Andrea Cozzatti, 44 anni di Trento; interrogato nella notte l'amico, intestatario dell'abitazione Itea di via Maccani dove è stato rinvenuto il corpo e nella quale vivevano i due. In seguito la confessione dell'omicida: si tratta di Salvatore Roberto Mulas, 56 anni. All'origine del gesto una lite

TRENTO. Delitto ieri sera - 25 marzo - in via Maccani, probabilmente epilogo di una lite degenerata.

All'interno di un appartamento al civico 22 è stato ritrovato il corpo senza vita di Andrea Cozzatti, di 44 anni di Trento.

L’allarme è scattato ieri sera poco dopo le 20.45 quando l’intestatario dell’appartamento ha chiamato un’ambulanza. 

Proprio su di lui si sono concentrate immediatamente le attenzioni degli investigatori. L'uomo avrebbe raccontato che l’amico sarebbe stato ferito altrove e avrebbe raggiunto da solo l’appartamento di via Maccani.

Una versione poco convincente, visto che né sul marciapiede né tantomeno sulle scale della palazzina al civico 22 sarebbe state trovate tracce di sangue.

Omicidio di via Maccani: il "fotoracconto" delle indagini

Il fotoracconto delle indagini condotte ieri sera, 25 marzo, nei pressi del civico 22 di via Maccani, teatro dell'omicidio che ha portato alla morte di Andrea Cozzatti. Gli agenti coordinati dal vicequestore Salvatore Ascione perlustrano la zona; sul posto arriva anche il sostituto procuratore Marco Gallina. La versione del testimone non regge, tanto che alle 22.30 l'uomo viene condotto in questura. (foto Daniele Panato) 

Allora più verosimile credere che una lite tra i due uomini sia degenerata con l'intestatario dell'appartamento che avrebbe colpito la vittima alla schiena con un coltello.

Alle 22.30 la polizia ha condotto l'uomo in questura per interrogarlo. Il giorno successivo la confessione dell'omicida: si tratta di Salvatore Roberto Mulas, 56 anni. All'origine del gesto - viene confermato - una lite.