VIOLENZA

Seviziava i propri cani: condannato a otto mesi

Un uomo residente a Trento picchiava selvaggiamente i suoi due Dobermann. Più volte sorpreso in piazza Centa mentre li prendeva a pugni e a cinghiate

TRENTO. Maltrattava i suoi cani anche per strada, a Trento, davanti agli occhi dei passanti. Una violenza tale da non passare inosservata e priva di denunce alla Lega Nazionale della difesa del cane.

È stato condannato a 8 mesi di reclusione un quarantacinquenne straniero ma residente a Trento, finito a processo per maltrattamenti nei confronti dei proprio animali, due Dobermann.

In più di una occasione li ha percossi con brutalità, anche con una catena di ferro, li ha sollevati da terra, al guinzaglio, fin quasi a farli soffocare. Numerose le segnalazioni arrivate alla Lega difesa del cane di Trento per il comportamento di quell’uomo che non aveva rispetto per i propri animali, che li seviziava ripetutamente, anche di fronte ai passanti.

Dall’estate dello scorso anno, le segnalazioni si susseguivano e tutte riportavano la stessa versione. In diverse occasioni l'uomo era stato visto picchiare selvaggiamente i propri cani in piazza Centa a Trento.