Era la prima vacanza, insieme, all’estero 

La vita di Alessandro Grisenti, 24 anni, si è spezzata sulle strade della Grecia. Ferita la sua ragazza, Alessia Rinner, 22 anni

TRENTO. Una dinamica difficile da ricostruire, l’incidente stradale che venerdì, sulle strade di Santorini, in Grecia, ha spezzato la vita di Alessandro Grisenti, 24 anni di Martignano. Era in vacanza con la fidanzata Alessia Rinner, 22 anni di Trento. A bordo di un quad, che avevano noleggiato, entrambi sono finiti a terra dopo essere stati urtati da una macchina. Alessandro è morto sul colpo, ferita, ma non in pericolo di vita Alessia, che è stata portata all’ospedale di Atene, dove è stata raggiunta subito dalla famiglia. Nell'impatto con un camion, i giovani sono stati sbalzati sull'asfalto ed Alessandro Grisenti ha perso la vita.

La coppia era in vacanza sull’isola di Santorini, da poco era residente a Baselga di Pinè. Alessandro amava molto l’altopiano, dove vivono i suoi amati nonni e zii. Per questo, meno di un anno fa, era venuto ad abitare nella frazione di Ricaldo assieme ad Alessia, che frequentava da cinque anni. Entrambi lavoravano a Trento, lei come commessa, lui alla Flavor Chimica di via Alto Adige. Sull’isola dell’ Egeo, venerdì, la coppia aveva noleggiato un quad. I due fidanzati volevano visitare Santorini. Secondo quanto si è appreso, da una prima ricostruzione dei fatti riferita ai parenti di Alessandro, a Baselga di Pinè, sembra che i due si trovassero su una retta, quando si è verificato l’incidente mortale. Mentre procedevano lungo la strada, sarebbe sopraggiunta una macchina. La vettura, pare per superare un camion, avrebbe urtato le gomme del quad. Alessandro, a causa del violento impatto, è stato sbalzato a terra, dove ha battuto il capo. Un colpo fatale. Alessia, pur con dei traumi, si è salvata. Per i ragazzi si trattava della prima vacanza all’estero, da quando si frequentavano. Per trovare un po’ di caldo, dopo una primavera piuttosto strana, raccontano gli zii pinetani e per festeggiare anche la raggiunta sicurezza di un posto di lavoro. Impegnato e preparato, Alessandro lavorava alla Flavor Chimica di Trento. Avevano scelto una delle più belle e sognate isole della Grecia. Proprio venerdì, il loro ultimo giorno di vacanze, la tragedia. Alessia, è già rientrata in Italia ed ora è ricoverata in ospedale, accompagnata dai genitori avvisati dalle autorità greche. Ieri il fratello di Alessandro e uno zio sono partiti per l’isola greca, per capire la dinamica dell’incidente e per effettuare le pratiche necessarie al rimpatrio della salma. (g.s.)