Con il Concerto di San Marco entra nel vivo Settenovecento

ROVERETO. Entra oggi nel vivo, con il Concerto di San Marco, il festival “Settenovecento-Incontri musicali a Rovereto”. L’organizzazione si deve a WAM Festival Mozart, Accademia Musica Antica e...

ROVERETO. Entra oggi nel vivo, con il Concerto di San Marco, il festival “Settenovecento-Incontri musicali a Rovereto”. L’organizzazione si deve a WAM Festival Mozart, Accademia Musica Antica e Centro Studi Zandonai, e dopo l’anteprima di domenica, questa sera alle 20 e 45 arriva il momento forse più atteso: la trentesima edizione del concerto nella chiesa arcipretale di San Marco, dedicata quest’anno ai 250 anni dalla prima esecuzione italiana del Messiah di Handel (avvenuta a Firenze nel 1768). Protagonista una massa artistica imponente e certamente all’altezza dell’obiettivo ambizioso dell’evento. I sopranisti Francesco Di Vito e Stefano Guadagnini, il soprano-voce bianca Rioccardo Masseni, il tenore Michal Czerniawski, il basso Matteo bellotto, l’Orchestra e il Coro della Mitteleuropa, con Paolo Cantamessa maestro di concerto e Romano Vettori, direttore al cembalo. L’ingresso è gratuito e non è prevista prenotazione.

Gli eventi di Settenovecento proseguiranno venerdì col concerto alla Filarmonica del Duo Granato e sabato con i concerti della Scuola Novak (al giardino Bridi de Probizer) e dell’Alban Berg Ensamble (alla Filarmonica).