“Over 100” a pranzo a Pozza di Roncone

SELLA GIUDICARIE. La tradizionale rimpatriata degli Over 100 (mangioni come qualcuno li chiama) stavolta torna di nuovo alla Pozza di Roncone che già il 4 maggio 2013 aveva accolto i “golosi e...

di Aldo Pasquazzo

SELLA GIUDICARIE. La tradizionale rimpatriata degli Over 100 (mangioni come qualcuno li chiama) stavolta torna di nuovo alla Pozza di Roncone che già il 4 maggio 2013 aveva accolto i “golosi e robusti” alle prese con il chilometrico menù. Lo ha comunicato Cornelio Eccher, che dopo la scomparsa di Redento Zulberti, assieme al figlio di quest'ultimo Dario, hanno assunto la guida dell’organizzazione.

«Stiamo operando in tal senso e con Giordano Bazzoli del ristorante La Pozza e Miramonti ieri venerdi abbiamo definito il tutto. Ora si tratta di stabilire data (fine maggio) e portate - anticipa Eccher - che saranno come suo solito una cinquantina, antipasti compresi». Alla reception Giordano ed Eleonora posizioneranno la bilancia necessaria a pesare i convenuti (donne comprese) prima e dopo il pasto chilometrico.

La scomparsa di Zulberti ha sicuramente lasciato un vuoto seppure Eccher stia facendo del proprio meglio per imitare quanto negli anni trascorsi aveva fatto il compianto impresario di Cimego ma con casa a Martignano. «Direi che bissare l'operato e l'azione di Redento sia quasi impossibile considerato che ben 44 anni fa aveva tenuto a battesimo l'iniziativa alla Segosta di Malé. In quella circostanza il “patron” era riuscito a coinvolgere non solo buon gustai trentini e del feltrino ma anche nel veronese come nel caso del mitico Luciano Vicentini che tuttora viaggia su la soglia dei 180 chilogrammi». «Oramai mi considero un veterano e al tradizionale raduno culinario in teraà trentina ci torno sempre volentieri», spiega Vicentini. Altra presenza scontata è quella del fisarmonicista cembrano Bruno Groff di Grumez. Il popolare “Regnana” ha pure scritto e musicato l'Inno dei buongustai che di solito fa da apripista al momento degli aperitivi.