SOCCORSI

Escursionista disperso recuperato nella notte sul Monte Baldo

Si tratta di un quarantenne di Arco che era rimasto bloccato tra le rocce perdendo l'orientamento

MONTE BALDO. È stato trovato a notte fonda e portato in salvo dagli uomini del soccorso alpino e speleologico di Verona un escursionista trentino disperso da ieri sul Monte Baldo. L'uomo, un quarantenne residente ad Arco, dopo aver raggiunto l'Eremo di San Benigno e Caro, si era inoltrato in una valle laterale, cercando invano un sentiero attrezzato, e infine dopo aver camminato a lungo e superato salti di roccia, era rimasto bloccato senza orientamento.

Con il telefono ha chiamato il 112 (telefonata ricevuta dalla centrale di Brescia), ma poi non è stato possibile geolocalizzarlo. La squadra del soccorso alpino - reduce da un altro intervento - si è così portata sul posto, nella Val Torrente, priva di sentieri segnalati.

Verso mezzanotte il primo contatto vocale, poi sono stati visti i segnali di luce lanciati dall'uomo con il cellulare. Dopo essersi calati con due corde doppie e averlo raggiunto, i soccorritori sono riusciti a trovare un passaggio tra le rocce, e assieme al 40enne sono tornati all'Eremo sotto la pioggia scrosciante, per poi riaccompagnarlo dai familiari poco dopo le due della notte.