Pontarollo in K1 è fantastico sul Noce 

Il portacolori del club Caldonazzo vittorioso su Maccagnan (vigili del fuoco). Percorso impegnativo e spettacolo assoluto

MEZZANA . Il fiume Noce e la Val di Sole sono tornati a indossare l’elegante veste tricolore e, nel weekend appena concluso, hanno ospitato i campionati italiani di canoa delle specialità discesa e slalom, che hanno regalato la gioia del titolo anche al portacolori del Canoa Club Caldonazzo Leonardo Pontarollo. Ad aprire la rassegna nazionale, che ha avuto in Mezzana il proprio cuore pulsante, sono state le gare della discesa classica, andate in scena su un tratto di 4 chilometri con passaggi impegnativi e livello d’acqua ottimale. Nel C1 femminile senior Cecilia Panato (Pescantina) si è confermata regina della specialità con il tempo di 14’30”420, precedendo la sorella Alice (15’24”030) e Marlene Ricciardi della Marina Militare (15’37”190), mentre nella canadese maschile il titolo senior è andato al valtellinese Giorgio Dell'Agostino (13’56”800), che ha preceduto di 3”6 Mattia Quintarelli, emulato nella K1 femminile da Mathilde Rosa (Cus Pavia), vittoriosa in 13’26”510 su Giulia Formenton del Cc Oriago (13040”170). Nella medesima categoria maschile, oro ad Andrea Bernardi del Cus Pavia in 12’31”450 e argento per Davide Maccagnan (Vigili del Fuoco) in 12’47”900, mentre nel C2 senior Vladi Panato e Federico Fasoli (13’50”290) hanno avuto la meglio su Gregorio Giannini e Federico Metinelli (16’07”240).

Parallelamente è andata in scena anche una gara nazionale junior, vinta da Marta Benedetti (Palazzolo Sull'Oglio) e da Giovanni Abbiati (Canottieri Adda) nel K1 e nel C1 da Daniele Siniscalchi (Pescantina).

Nelle gare a squadre Luca Panziera, Marco Iannotta e Vladi Panato si sono imposti nel K1 senior, con Mattia Quintarelli, Carlo Benciolini e Daniele Siniscalchi vittoriosi nel C1.

Nella seconda giornata di gare, invece, sono stati assegnati i titoli della discesa sprint. Nella canadese monoposto Mattia Quintarelli (Pescantina) si è preso la rivincita su Giorgio Dell’Agostino, imponendosi in 1’06”850 (1’07”150 per Dell’Agostino, argento), mentre nel K1 a salire sul gradino più alti del podio sono stati i colori del Trentino, portati in trionfo da Leonardo Pontarollo (Cn Caldonazzo), vittorioso in 1’00”840 su Davide Maccagnan (Vigili del Fuoco, 1’02”790).

Nella C1 femminile, Cecilia Panato ha concesso il bis (1’12”050), precedendo Marlene Ricciardi (Marina Militare, 1’16”720), con Giulia Formenton (Cc Origago) a segno nella K1 in 1’06”810 davanti a Mathilde Rosa (Cus Pavia, 1’08”430). Nel C1, titolo per l’equipaggio Federico Fasoli e Vladi Panato al maschile (1’05”600) e per il duo Alice e Cecilia Panato vittoriose al femminile (1’13”410). Nella gara a squadre del K1 sugli scudi la squadra formata da Francesco Ciotoli, Simone e Riccardo Minolli (1’10”88), emulati nel C1 da Mattia Quintarelli, Carlo Benciolini e Daniele Siniscalchi (1’21”630). Nella parallela gara nazionale junior, hanno primeggiato Marta Benedetti (Palazzolo) e Giovanni Toniolo (Oriago) nel K1, Andrea Siniscalchi nel C1 e Alberto Migliorsi, Simone Asciutti e Samuel Marcucci nel K1 a squadre. La chiusura, ieri, è toccata alle gare di slalom, che hanno incoronato nel C1 femminile Martina Rossi (Canoa Club Nervi), con Roberto Colazingari (Carabinieri) vittorioso nel C1 maschile in 97”58 su Ivaldi 98”23) e Ceccon (99”28).

Nel K1 hanno dominato la scena Giovanni De Gennaro e la tedesca naturalizzata italiana Stefanie Horn, quest’ultima capace poi di concedere il bis nella C2 mista assieme a Nicolò Ferrari (Aeronautica). Nello slalom extreme, infine, titolo per Anna Baldo (Sacile) e Paolo Ronga (Canoa Club Milano). (l.f.)