LA SCHEDA

Nel 2001 erano il 17,54% dei residenti

 CLES. Come era andato il censimento 2001 dei ladini nonesi? (nella foto il presidente di Rezia Giulio Filippi) A livello di valle la percentuale era stata del 17,54% con 6.402 dichiaranti, numeri che salgono considerando Spormaggiore (allora nel C5, con il 35,15 % di ladini). In valle di Non il comune più ladino era stato Ton (43,99%), seguito da Malosco (41,85%), Romallo (36,61 %) e Denno (32,18%). I meno ladini Cis (3,34%), Rumo (7,77%), Sporminore (8,09%) e Cunevo (8,61%). A Cles la percentuale pro ladini era stata il 10,44%, a Taio 13,30%, a Tuenno 18,84% e a Fondo il 10,33%. In termini numerici, i dichiaranti ladini erano stati 672 a Cles, 527 a Ton, 418 a Tuenno, 354 a Denno, 337 a Taio, 333 a Coredo, 311 a Revò, 297 a Campodenno, 216 a Romallo, 211 a Romeno, 172 a Livo, e a Vervò, 149 a Brez, Cavareno e Malosco, 137 a Cloz e 108 a Smarano. Nell'elenco inverso Cis (10), Don (30) e Amblar (42). (g.e.)