L'INIZIATIVA

Scattate una foto di «giardini alpini» e finirete al Muse

Al via il nuovo concorso fotografico di @instatrentino; ogni settimana una foto diventerà un’opera d’arte al museo

TRENTO. Torna il concorso fotografico di Trentino e Muse dedicato alla natura e al territorio che vi dà la possibilità di diventare autori da museo con le opere in mostra al Muse. E quest’anno il tema è davvero intrigante: quello dei giardini alpini.

Nell’estate 2018 il Giardino Botanico Alpino delle Viote Monte Bondone, sede territoriale del Muse a due passi da Trento, festeggia infatti 80 splendenti primavere. E proprio per celebrare questo traguardo, dal 21 giugno al 30 settembre 2018, il Trentino e il Muse lanciano da oggi il concorso fotografico #giardinidimontagna. L’obiettivo è raccogliere e creare una collezione di luoghi che richiamino la biodiversità e unicità di uno dei giardini botanici più longevi ed estesi delle Alpi. Ambienti estremi, fragili e unici, aiuole rocciose, laghi, praterie fiorite, delicate specie all’ombra dei boschi alpini: la bellezza e varietà della flora di montagna è davvero infinita! Possono essere spazi coltivati o selvatici, reali o simbolici e del cuore, minuscoli o vasti come l’orizzonte: l’unico limite è quello posto dalla fantasia. Se, durante le tue passeggiate hai attraversato uno di questi luoghi e ne sei rimasto colpito, o se hai realizzato il tuo angolo personale di giardino alpino e lo vuoi celebrare, inviaci la tua foto.

Per tutta l’estate, ogni settimana fino al 30 settembre 2018, il team del Trentino e quello del Giardino Botanico delle Viote selezioneranno lo scatto più significativo e ne trarranno spunto per raccontare i dettagli più curiosi del mondo dei giardini di montagna.

Ma non è finita! Le foto selezionate diventeranno parte di una speciale esposizione nel “cuore” del Muse, ai piedi del Grande Vuoto, lo spazio centrale progettato da Renzo Piano.

Come si partecipa. È davvero semplice: basta scattare le immagini armati di macchina professionale, o con un semplice smartphone, e postarle su Instagram associandole all’hashtag #giardinidimontagna e taggando nelle foto i profili Instagram del giornale Trentino, @instatrentino, e del Muse, @museomuse e del @giardinobotanicoviote

I temi. La sfida è centrare il tema, dando in questo modo la tua interpretazione personale del “giardino di montagna”. Le possibilità sono infinite, così come il numero di foto che puoi che puoi postare: cerca di pubblicare immagini interessanti, di buona qualità, associandole a una descrizione che arricchisca lo scatto e crei un legame ancora più stretto con il cuore del focus fotografico.

I tempi. Ogni settimana, fino al 30 settembre, il team del Trentino e del giardino botanico sceglieranno la fotografia più significativa fra quelle arrivate (non solo per l’aspetto tecnico, ma soprattutto per il concetto che rappresenta) che sarà stampata e diventerà una vera e propria “opera da museo”, esposta al Muse in una mostra “work in progress” nel Grande Vuoto.

La giuria. Il gruppo che selezionerà di volta in volta le fotografie postate settimana dopo settimana con l’hahstag #giardinidimontagna sarà composto da un membro del Giardino Botanico e da un nostro giornalista.

I vincitori. Le foto più belle, selezionate settimana dopo settimana dalla giuria, diventeranno parte di una speciale esposizione visibile al Muse dal 2 luglio al 2 ottobre 2018. I vincitori avranno anche diritto a un biglietto gratuito per visitare in famiglia il Giardino Botanico e provare l’emozione di un picnic alpino (da usare entro l’estate del 2019).

Il Giardino Botanico Alpino delle Viote. Con i suoi 10 ettari e una collezione di circa 2000 specie di piante di alta quota, molte delle quali a rischio d’estinzione, il Giardino è uno dei più antichi e grandi delle Alpi. Un ambiente estremo, fragile ed unico, che si snoda tra aiuole rocciose, laghi, torbiere, praterie fiorite e boschi. Conoscerlo parla di noi stessi e di come ci relazioniamo con la natura, parla di coltivazioni di montagna, dell’arte erboristica, delle specie medicinali, tintorie e velenose, del cambiamento climatico e della nostra responsabilità verso l’ambiente.

Insomma, ora tocca a voi. Siate curiosi, come sempre nei nostri concorsi, siate creativi. Potreste scattare una delle opere d’arte che saranno esposte al Muse!