Targhe e velocità: appaltati i lavori per il nuovo “occhio” 

Saranno realizzati dalla Quad Automazioni srl per 118 mila ¤ Nelle vie Fornaci e Maoro gli scavi per i collegamenti elettrici

PERGINE. Appaltata ieri la realizzazione del “varco” che sulla statale 47 della Valsugana controllerà il traffico. Il lavoro a base d’asta ha una spesa di 118.125,05 euro a seguito del ribasso offerto dalla Quad Automazioni srl, pari al 16,221 %. Il progetto era stata approvato in novembre e comportava una spesa totale di 200.000 euro con circa 60.000 come somme a disposizione. Il “varco” sarà realizzato poco prima dell’ingresso di Pergine centro (via Rosmini) e prevede due “portali” (uno in direzione di Trento, l’altro in direzione di Bassano) per il normale servizio di video sorveglianza ma anche della verifica dei dati degli autoveicoli in transito: se risultano rubati, assicurati, revisionati eccetera. Inoltre con tale sistema si crea un punto di rilevamento a distanza della velocità sui mezzi in transito lungo la corsia in direzione di Bassano. Quindi un’attrezzatura particolarmente sofisticata che leggendo le targhe e svolgerà anche altre funzioni (trasporto di merci pericolose e individuazione dei codici dei container), che saranno poi a disposizione delle forze dell’ ordine e destinata quindi anche a contrastare furti, rapine ed altri atti criminali e nello stesso tempo ad aumentare la sicurezza della circolazione riducendo gli incidenti correlati alla velocità elevata.

Da dire che il sistema di rilevamento della velocità sarà adeguatamente segnalato e ben visibile agli utenti della strada.

Mentre la Polizia locale provvederà all’acquisto dell’apparecchiatura di rilevazione (autovelox e telecamere), con il progetto di lavori si procederà alla sola installazione della struttura metallica che conterrà macchina fotografica e flash sincronizzato. Naturalmente saranno effettuati gli scavi per i collegamenti elettrici sia da un lato della statale (Fornaci) che dall’altro (via Maoro). Sarà poi necessario modificare la segnaletica per avvertire l’utente della presenza delle telecamere e della altre attrezzature di rilevamento.

Dovrebbe entrare in servizio nel corso dell’estate e per questo è previsto un aumento del gettito (soprattutto per il Comune) dovute alle sanzioni amministrative. (r.g.)