L’Etna riprende l’attività: alta nube eruttiva

Un'intesa emissione di cenere lavica collegata alla ripresa di una forte attività stromboliana è registrata dall'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia, Osservatorio etneo, dal cratere di Sud-Est. La nube, che ha raggiunto un'altezza di 9 chilometri ed e visibile anche da Catania e Taormina, si disperde in direzione Est-Nord-Est.

Video