televisione

Mike Bongiorno, 100 anni fa nasceva mister Allegria

Conduttore, autore, partigiano, intrattenitore, scrittore, scalatore, imprenditore, ha fatto la storia della tv italiana



Indimenticabile il suo "Allegria!", conduttore, autore, partigiano, intrattenitore, scrittore, scalatore, imprenditore, ha fatto la storia della tv italiana, prima sulla Rai poi su Mediaset, che ha contribuito a inventare e rivoluzionare. Il 26 maggio avrebbe compiuto 100 anni Mike Bongiorno, stroncato da un infarto l'8 settembre 2009 in una suite dell'hotel Metropole di Montecarlo, dove si trovava per una breve vacanza con la moglie Daniela Zuccoli, con cui ha condiviso 39 anni di vita, dalla loro unione sono nati tre figli, Michele, Nicolò e Leonardo. Il re del tele-quiz, che ha tenuto a battesimo la tv italiana, è stato premiato venti volte con il Telegatto, ha presentato undici festival di Sanremo, a partire dal '63 e fino al '97 (quando formò la strana coppia con Piero Chiambretti). Nonostante la lunga carriera a Mediaset, i 25 anni in Rai sono rimasti un filo ininterrotto. Mike c'era da sempre. Prima, importando dagli Stati Uniti il quiz televisivo. Poi, dando vita a format innovativi. Quanto è morto, si preparava a un nuovo debutto: quello con il quiz Riskytutto su Sky, dove era approdato dopo la scadenza del contratto con Mediaset. E dove aveva conosciuto una seconda giovinezza al fianco di Fiorello: prima negli spot tv, poi con le incursioni nei suoi show. Se Mediaset, per celebrare i 100 anni di Mike, dal 7 maggio ha ripristinato nel preserale La Ruota della Fortuna, affidata a Gerry Scotti, volto di punta di Cologno Monzese, la Rai ha scelto Torino per le riprese una fiction dedicata a Bongiorno, la città in cui il conduttore si trasferì da bambino. Nei panni del protagonista tanto amato due attori: Elia Nuzzolo da adolescente e Claudio Gioè da adulto. La serie in quattro episodi si chiamerà "Mike", per la regia di Giuseppe Bonito.













Scuola & Ricerca

In primo piano