A Napoli al via Conferenza Unesco, fari su tutela del patrimonio



<p> (ANSA) - NAPOLI, 27 NOV - Ha preso il via nella sale di Palazzo Reale a Napoli la Conferenza Unesco Cultural Heritage in the 21st Century che vede insieme rappresentanti ed esperti degli Stati membri dell'Organizzazione delle Nazioni Unite. La Conferenza &egrave; stata voluta dal vice-presidente del Consiglio e ministro degli Affari esteri, Antonio Tajani, e dal ministro della Cultura, Gennaro Sangiuliano, ed &egrave; organizzata da Maeci e MiC, con il contributo del Comune di Napoli. L'evento &egrave; stato aperto dal messaggio del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, e si concluder&agrave; il 29 novembre. Tra i temi principali che i delegati affronteranno nella tre giorni di incontri e dibattiti spiccano il rapporto tra beni materiali e immateriali, i cambiamenti climatici e il loro impatto negativo sulla tutela e salvaguardia del patrimonio culturale e dei monumenti, la lotta al traffico illecito dei beni culturali che colpisce "significativamente" e in modo particolare l'Italia e la Grecia, la sostenibilit&agrave; del turismo per evitare che i territori perdano le proprie identit&agrave;. I delegati in questi giorni effettueranno anche visite presso alcuni dei principali siti culturali, storci, artistici e museali della citt&agrave; di Napoli. (ANSA). <br/> &nbsp;&nbsp;&nbsp; </p>









Scuola & Ricerca



In primo piano