La birra Baladin cerca fondi tra i fan, nel 2028 la Borsa



(ANSA) - MILANO, 14 FEB - Il produttore artigianale di birra Baladin lancia una campagna di equity crowdfunding con l'obiettivo di raccogliere 5 milioni di euro con cui sostenere la crescita, puntando ad aumentare il fatturato dai 18 milioni del 2023 a 50 milioni nel 2028 e a quadruplicare a 100 mila ettolitri i volumi annui prodotti nei siti di Bernareggio, in Brianza, e Piozzo, nelle Langhe. Con l'intento nel 2028, quando il margine di ebitda sarà salito dal 22 al 25%, di puntare alla Borsa.
    La valutazione di Baladin, sulla base della quale verrà fatta la raccolta fondi attraverso la piattaforma Mamacrowd, "è compresa tra i 40 e i 60 milioni di euro", ha spiegato Isaac Musso, figlio del fondatore, Teo Musso, e investor relation di Baladin. "Abbiamo scelto di aprire il capitale dell'azienda per crescere insieme alla nostra community", ha detto il papà Teo, ceo di Baladin. "Il coinvolgimento di coloro che amiamo definire i baladiniani, che insieme a noi condividono valori identitari e filosofia del birrificio, rappresenta, infatti, uno dei pilastri dell'azienda".
    Le risorse raccolte serviranno anche a rendere il birrificio di Biozzo indipendente dal punto di vista idrico, sfruttando una falda a 300 metri di profondità, e a fare dello stabilimento di Bernareggio, acquisito nel 2022, il primo birrificio condiviso d'Italia, in cui verranno ospitati altri produttori artigianali.
    Per crescere Baladin investirà sul marketing e sulla comunicazione, sul potenziamento della rete di vendita e sul rafforzamento nei mercati internazionali, attraverso l'ingresso di nuove risorse professionali e manageriali. (ANSA).
   









Scuola & Ricerca



In primo piano

Viabilità

Quanta neve sullo Stelvio: si complica la riapertura anche per la prossima settimana

Nuovamente a rischio slittamento l’accesso al traffico. Si lavora per sgomberare la neve e installare la segnaletica, c’è da valutare la situazione atmosferica per i prossimi giorni

IL GIRO La tappa per il Giro d’Italia era già saltata per la neve

GIUGNO Il mese di giugno è stato caratterizzato proprio dalla quantità di precipitazioni e neve abbondanti – il video 

LA SITUAZIONE Riaperto invece il 14 giugno Passo Rombo