ciclismo

Giro d’Italia: ecco i tre giorni trentini della corsa rosa

Il 25 maggio la tappa fra Ponte di Legno e Lavarore, il giorno dopo la partenza da Borgo (e arrivo a Treviso), il 20 il lungo passaggio in provincia dei ciclisti nella tappa fra Belluno e la Marmolada



TRENTO. Tra il 25 e il 28 maggio, il Trentino ospiterà alcune competizioni della 105/a edizione del Giro d'Italia. Nello specifico, si disputeranno due frazioni di tappa e un terzo passaggio lungo, con salite impegnative.

Nella 17/a tappa, tra Ponte di Legno e Lavarone, in programma per mercoledì 25 maggio, dopo la partenza gli atleti scaleranno il Passo del Tonale, passando poi da val di Sole e val di Non, piana Rotaliana, val di Cembra e Valsugana, fino al traguardo di Lavarone, non prima di aver affrontato le durissime salite del Passo del Vetriolo e di Monte Rovere, inerpicandosi sui tornanti della strada del Menador (salita è lunga poco più di 8 chilometri, con una pendenza media superiore al 9% ed alcuni tratti al 12-15%, per un dislivello di quasi 800 metri).

Nella 18/a tappa, tra Borgo Valsugana e Treviso, giovedì 26 maggio, i ciclisti partiranno da Borgo, proseguendo verso Grigno e raggiungendo le storiche Scale di Primolano, porta d'accesso alla valle del Piave, fino al traguardo di Treviso.

Infine, nella 20/a tappa, tra Belluno e Passo Fedaia-Marmolada, sabato 28 maggio, la corsa rosa effettuerà un passaggio in Trentino, passando per il Passo San Pellegrino, la discesa verso Moena e risalendo la Val di Fassa per affrontare l'ascesa al Passo Pordoi, in direzione di Arabba.

In 105 edizioni, il Trentino ha ospitato il Giro d'Italia 161 volte: 75 partenze, 75 arrivi e 16 tappe con partenza e arrivo.

















Cronaca







Dillo al Trentino