Montagna

Prima la ferrata a sfioro sul Garda, poi la maxi cascata: la nuova impresa delle Donne di Montagna

Raggiungere Cima Capi è un'esperienza straordinaria: dalla val di Ledro ci vogliono quattro ore intense, ma la vista del lago di Garda dalla vetta ripaga di ogni sofrzo. Poi la visita al Parco del Varone dove la cascata fa un salto di quasi 100 metri



TRENTO. Primavera, stagione ideale per praticare attività outdoor sul Garda. Le nostre Donne di Montagna questa settimana ci portano, infatti, su Cima Capi con una ferrata a strapiombo sul lago di Garda. E dopo il trekking, cosa c’è di meglio che visitare una cascata per rinfrescarsi?

La ferrata Fausto Susatti, parte dal paese di Biacesa di Ledro, il primo paese della Val di Ledro. È molto conosciuta e frequentata, perché è una ferrata facile, alla portata di tutti, con un giro molto panoramico. I metri di dislivello sono 500 e la lunghezza totale del percorso è di 8 chilometri; il tempo stimato per tutto il giro è di circa 4 ore.

Si arriva a quota 909 metri a Cima Capi che fa parte delle Prealpi Bresciane e Gardesane e si trova nella parte nord-occidentale del lago di Garda, in Trentino. La ferrata a Cima Capi segue quasi sempre il filo della cresta, è molto panoramica con una vista  mozzafiato sul Garda.

Il sentiero di avvicinamento dura circa un’ora e mezza e poi si arriva all’attacco della via ferrata che si deve affrontare con il kit da ferrata, caschetto ed imbrago. Arrivati in cima, il panorama è insuperabile. Nel ritorno si percorre un giro ad anello: è consigliabile indossare ancora il kit da ferrata, perché ci sono tratti con sentiero attrezzato.

Emozione verticale e vista Garda: le Donne di Montagna ci portano sulla ferrata Susatti

Una ferrata a strapiombo sul Lago di Garda, facile e super panoramica: stiamo parlando della ferrata Susatti che arriva a Cima Capi. E dopo un trekking in quota durato oltre 4 ore e con 500 metri di dislivello, in questo video le #DonnediMontagna sono andate a rinfrescarsi al Parco Grotta Cascata del Varone. Due esperienze che si possono fare in una giornata di primavera sul Garda. 

Tornate alla macchina, a Biacesa, le Donne di Montagna si sono rimesse in moto per scendere a visitare il Parco Grotta Cascata del Varone, che si trova nell’omonimo paese, a soli 3 chilometri da Riva del Garda.  

La Grotta Cascata del Varone è una vera e propria rarità geologica. Un'erosione della roccia durata più di 20 mila anni. La "forra" si addentra per 55 metri nella parte della Grotta inferiore, mentre in prossimità della Grotta Superiore la gola raggiunge una profondità di 73 metri. Il salto della cascata raggiunge in totale i 98 metri di altezza.

La cascata è stata oggetto dell'ammirazione di molti artisti e letterati: il principe Umberto II, Gabriele D'Annunzio, l’Imperatore Francesco Giuseppe, Franz Kafka e Thomas Mann.

Il parco è aperto tutti i giorni dalle 9 alle 19. La visita dura in media un'oretta.















Cronaca









Dillo al Trentino