La storia

Turismo e scuola a braccetto: a Tenna l’Infopoint lo aprono gli studenti

Grazie ad un progetto condiviso dalla Pro Loco Tenna, l’Apt Valsugana e Lagorai, amministrazione comunale e Istituto De Carneri, è nato il nuovo sportello di informazione rivolto ai turisti che salgono sul colle di Tenna



TENNA. Mettere a frutto le competenze acquisite durante il percorso scolastico attraverso un dialogo con gli ospiti che arrivano a Tenna e al contempo fornire un servizio alla comunità.

Questo l’obiettivo del progetto che vede protagonista l’Istituto Ivo de Carneri di Civezzano: grazie ad un accordo con l’Associazione Pro Loco di Tenna, è nato un punto informativo dove i ragazzi della classe seconda ad indirizzo turistico sono a disposizione dei numerosi turisti che durante il corso dell’estate visitano il colle che unisce i laghi di Caldonazzo e Levico.

«Abbiamo accolto con entusiasmo la possibilità di mettere a frutto sul territorio le competenze acquisite nel percorso scolastico - ha spiegato il dirigente scolastico, Giovanni Scalfi -. Le ragazze e i ragazzi del secondo anno potranno mettersi alla prova e imparare attraverso il contatto diretto con le persone ulteriori aspetti dell’operare nel mondo del turismo».

Dopo una formazione sul luogo, avvenuta a cura della Pro Loco di Tenna, che ha messo a disposizione lo spazio, attraverso la collaborazione con Apt Valsugana e Lagorai, le studenti e gli studenti del De Carneri possono ora fornire indicazioni sui sentieri e sulle camminate presenti sul colle di Tenna, sulle peculiarità storiche, sui luoghi caratteristici, sulle manifestazioni e gli eventi.

«È’ il primo infopoint nato con la collaborazione di un Istituto scolastico – racconta il  Presidente Apt Valsugana, Stefano Ravelli – Si tratta di una esperienza innovativa che permette di valorizzare una risorsa come l’Istituto De Carneri e al contempo di valorizzare il patrimonio presente sul territorio. I Punti informativi distribuiti in valle costituiscono una rete importante  e un punto di riferimento per i molti turisti, che hanno modo di parlare con persone formate che possono dare loro indicazioni e conoscere così la bellezza del nostro territorio».

«Siamo orgogliosi di questo progetto – ha detto il presidente dell’Associazione Pro Loco di Tenna – perché a Tenna abbiamo molto da mostrare e far conoscere e l’iniziativa permette di avere un luogo dove le persone possono trovare informazioni e scoprire così quanto possiamo offrire. In più diamo una opportunità formativa alle ragazze e ai ragazzi che qui avranno modo di fare esperienza».

La casetta si trova al centro del Parco Urbano, luogo ideale come punto di partenza per escursioni lungo i sentieri del paese, che permettono di visitare, attraverso percorsi ben indicati, sia il centro storico, sia le principali evidenze del colle di Tenna: il Forte austroungarico, la Chiesetta di San Valentino, il parco di Alberè con le sue opere d’arte, il Sentiero degli gnomi, ripercorrendo la Via romana Claudia Augusta Altinate, della quale in paese si conserva l’unico miliare in Trentino, e arrivare fino alle spiagge sul lago di Caldonazzo e le caratteristiche insenature sulla sponda occidentale del lago di Levico. Paesaggi unici in Trentino, visti da una posizione privilegiata e attraverso camminate adatte a chiunque.

«Tenna dimostra ancora una volta di essere un paese dove la Comunità conserva un profondo valore: il ringraziamento va all’associazione Pro Loco, all’Istituto De Carneri, all’Apt e a tutti i volontari coinvolti, che ancora una volta hanno dimostrato l’importanza di fare rete, di sentire proprio il bene comune», conclude il sindaco Marco Nicolò Perinelli

«Il coinvolgimento delle giovani e dei giovani studenti è il valore aggiunto che unisce un servizio importante per i visitatori alla possibilità di maturare esperienza. Dobbiamo puntare alla qualità e l’auspicio è che queste ragazze e ragazzi potranno acquisire  conoscenze che saranno loro utili in un percorso di vita, ma soprattutto che possano conservare un bel ricordo. L’accoglienza è il primo biglietto da visita e coloro che arriveranno a Tenna, siano turisti di passaggio, pellegrini lungo la via Romea Germanica, o escursionisti del fine settimana, avranno un punto di riferimento dove entrare in contatto con la bellezza di un territorio unico».

















Cronaca







Dillo al Trentino