università

Trento, l'anno accademico si apre con Francesca Bria: prolusione su intelligenza artificiale e innovazione

Appuntamento il 22 novembre a Palazzo Prodi. Dopo l’entrata del corteo accademico, interventi di Deflorian, Giudici, Pellacani e Finocchiaro



TRENTO. Esperta di innovazione, economia e geopolitica del digitale, gestione dei dati e sistemi di intelligenza artificiale. Inserita nella “Top 50 Women in Tech” dalla rivista Forbes, tra le venti persone più influenti al mondo nel governo digitale secondo Apolitical e “Culture Person of the year” nel 2020 per il quotidiano tedesco Frankfurter Allgemeine Zeitung: è Francesca Bria l’ospite dell’inaugurazione dell’anno accademico 2022/23 dell’Università di Trento. L’Ateneo ha scelto di invitarla a intervenire alla cerimonia che si terrà martedì 22 novembre alle 11 nella sede universitaria di Palazzo Prodi, in via Tommaso Gar 14 a Trento.
Senior adviser in materia di tecnologia, innovazione e policy digitale per la Commissione Europea e componente di “New European Bauhaus”, il gruppo di esperti di alto livello creato dalla presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen, Francesca Bria interverrà con una prolusione su intelligenza artificiale e innovazione. Temi che per lei sono familiari considerato il suo ruolo come presidente del Fondo nazionale innovazione - CDP Venture Capital SGR.

Bria siede anche nel Consiglio di amministrazione della RAI ed è honorary professor all’Institute for Innovation and Public Purpose della UCL University di Londra. Tra i suoi incarichi, quello di assessora per la digitalizzazione e l’innovazione per la città di Barcellona in Spagna, consulente senior per le Nazioni unite sulle smart cities e sui diritti digitali e fra le fondatrici della Coalizione delle città per i diritti digitali (https://citiesfordigitalrights.org).
Come da tradizione la cerimonia si aprirà con l’ingresso del corteo accademico, sulle note del Gaudeamus igitur eseguito dalla Corale polifonica e Orchestra dell’Università di Trento. Quindi sono in programma le relazioni del rettore Flavio Deflorian con l’apertura ufficiale dell’anno accademico, del presidente del consiglio degli studenti Edoardo Giudici, del direttore generale Alex Pellicani e del presidente del consiglio di amministrazione Daniele Finocchiaro. Sarà dunque il momento della prolusione di Francesca Bria.

Francesca Bria è anche fondatrice del progetto DECODE (http://decodeproject.eu), un consorzio di sei paesi che ha sviluppato soluzioni pionieristiche per la sovranità dei dati in Europa e ha fatto parte dell’High-level Expert Group sull’impatto economico e sociale dell’innovazione della Commissione Europea (ESIR).
Ha conseguito un dottorato di ricerca in Management dell’innovazione ed Entrepreneurship all’Imperial College di Londra e un Master in Digital Economy all’Università di Londra, Birbeck. In passato presso Nesta, l’agenzia per l'innovazione del Regno Unito, ha guidato il progetto D-CENT, il più grande progetto Ue sulla democrazia digitale e le criptovalute, e ha guidato il progetto DSI sull’innovazione sociale digitale, fornendo consulenza alla Commissione europea sulle policy di innovazione digitale. Francesca Bria è commendatrice dell'Ordine al merito della Repubblica italiana.

Informazioni di servizio
Durante la cerimonia è previsto il servizio LIS (Lingua dei Segni Italiana).
L’accompagnamento musicale sarà eseguito dal vivo dalla Corale polifonica e Orchestra UniTrento.
La partecipazione è libera fino ad esaurimento posti.
Il programma della cerimonia è disponibile sul sito di Ateneo all’indirizzo:
www.unitn.it/inaugurazione-aa

















Cronaca







Dillo al Trentino