il caso

Studente suicida a New York, i genitori fanno causa alla scuola

Il ragazzo era stato messo in isolamento. L’avvocato della famiglia: «Vogliamo una legge Claudio»



NEW YORK. La famiglia di Claudio Mandia, il ragazzo di Battipaglia che nel febbraio 2022 si è tolto la vita alla vigilia dei suoi 18 anni dopo esser stato messo in isolamento in una 'boarding school' privata nello stato di New York, hanno presentato una causa civile presso la Supreme Court della contea di Westchester accusando il direttore della scuola e le psicologhe di comportamento inumano e gravissime negligenze.

"Mentre era studente alla EF Academy, Claudio ha sofferto orribilmente prima di morire suicida", si legge nell'atto legale illustrato dall'avvocato George Bochetto in conferenza stampa. Al suo fianco i genitori del ragazzo, gli imprenditori Mauro Mandia e Elisabetta Benesatto.

Il legale ha detto che la causa servirà a puntare i riflettori "sull'assenza di vigilanza sulle boarding school private nello Stato di New York da parte del suo Board of Education". Bochetto ha detto che l'obiettivo politico è arrivare a "Claudio's Law", una legge grazie alla quale nessun altro ragazzo faccia la fine di Claudio. 

Attraverso il Consolato Generale a New York, il Ministero degli Esteri ha seguito la tragica vicenda fin dal primo giorno, assistendo i genitori che hanno appreso della morte del figlio all'atterraggio a New York: lo ha detto il Console Generale d'Italia a New York Fabrizio Di Michele ai margini della conferenza stampa in cui oggi e' stata annunciata l'azione legale contro al scuola dove il ragazzo si è ucciso. "Ma oltre all'ovvio sostegno morale e pratico, il Consolato ha seguito nei mesi l'attività investigativa degli avvocati e trasmesso alle autorità competenti, attraverso i canali appropriati, l'attenzione con cui il Ministero e l'opinione pubblica italiana stanno seguendo il caso", ha detto Di Michele. Il console ha indicato che anche oggi, nel rispetto delle prerogative della magistratura americana, il Consolato "continua ad adoperarsi affinché si possano stabilire la verità e le responsabilità di questo fatto così tragico".

















Cronaca







Dillo al Trentino