il caso

Quasi 6mila firme per la petizione trentina per “bandire l’ideologia gender dalle scuole”

Il testo e le firme sono state consegnate dall’associazione Pro vita al presidente Kaswalder



TRENTO. Il portavoce dall'associazione Pro vita e famiglia onlus, Luca Poli, ha consegnato oggi 27 aprile al presidente del Consiglio provinciale di Trento, Walter Kaswalder, una petizione popolare in cui si chiede alle forze politiche locali e all'assessore provinciale all'istruzione, Mirko Bisesti, la promozione di un disegno di legge provinciale "sulla libertà educativa", allo scopo di mettere al bando "l'ideologia gender dalle scuole".

La petizione - informa una nota - è corredata da 5.942 sottoscrizioni.

A quanto riferito Poli, la petizione contesta il concetto di "identità di genere fluida", che veicolerebbe "un'antropologia dannosa per il sano sviluppo psico-fisico dei giovani".

La petizione è stata stimolata - ha detto oggi Poli - dalla conferenza con cui l'Istituto comprensivo Alta Vallagarina ha voluto proporre (lo scorso novembre al Muse) quello che ai firmatari appare come "l'ennesimo tentativo di indottrinamento Lgbtqia+ di ragazzi e bambini anche giovanissimi".

La petizione contesta "il concetto antiscientifico di identità di genere fluida", che veicolerebbe "un'antropologia dannosa per il sano sviluppo psico-fisico dei giovani".

Si chiede quindi la promozione di un disegno di legge provinciale "sulla libertà educativa, che bandisca l'ideologia gender dalle scuole".

Una mossa che farà certamente discutere.

















Cronaca







Dillo al Trentino