LA PROTESTA

Maestre delle scuole dell’infanzia trentine in piazza: “Pronte allo sciopero”

Marcella Tomasi della Uil Fpl Enti Locali: “Assemblea negata a tutte le insegnanti provinciali, non autorizzate a lasciare il posto di lavoro. Se non ci sarà una marcia indietro denunceremo Piazza Dante”

GUARDA LE FOTO: "State svendendo la scuola dell'infanzia" ----- Sventolano le bandiere della Uil

GUARDA I VIDEO: Le maestre si radunano in piazza a Trento: i cartelli sono pronti ----- I cori di protesta: "Sciopero!"


di Claudio Libera


TRENTO. L’autorizzazione – oltre all’occupazione dello spazio antistante il palazzo della Provincia dalle 8 alle 13 – prevedeva la presenza contemporanea di circa 600 persone, 99,9% donne, per la manifestazione programmata dalla Uil scuola per protestare contro la decisione di tenere aperte le scuole materne anche in luglio. Palazzo in cui, per inciso, al mattino presto è entrato col seguito il generale Figliuolo, accolto dal presidente Fugatti che poi si sono recati in visita con il sindaco Franco Ianeselli, al centro vaccinale di Trento Expo. Si è trattato di sottolineare con il mare di bandiere azzurre, lo scontro duro tra la Uil Fpl Enti Locali e la Provincia sulle Scuole dell’Infanzia per la negata assemblea per il proprio personale.

Scuole dell'infanzia, le maestre si radunano in piazza a Trento: i cartelli sono pronti

L'assemblea indetta dalla Uil Fpl Enti Locali per tutto il personale della scuola dell'infanzia si tiene in piazza Dante dalle ore 8 alle ore 13 per proseguire al pomeriggio in piattaforma zoom (video di Claudio Libera). GUARDA ANCHE LE IMMAGINI A QUESTO LINK

All’assemblea sindacale di questa mattina – la prima mobilitazione che precede come momenti di lotta quelli che potrebbero portare allo sciopero, assemblea proseguirà questo pomeriggio dalle 13 alle 19 su Zoom – non hanno potuto partecipare le insegnanti dipendenti della Provincia perché non autorizzate a lasciare il posto di lavoro e di conseguenza, a godere dei basilari diritti sindacali.

Trento, le maestre davanti alla Provincia: "State svendendo la scuola dell'infanzia"

Oggi la manifestazione in piazza Dante organizzata dalla Uil Fpl Enti Locali. Diverse decine le insegnanti che si sono radunate per la protesta contro la decisione unilaterale della Giunta di tenere le scuole aperte in luglio (foto di Claudio Libera). GUARDA ANCHE IL VIDEO: Il raduno e i cartelli

Un problema di orario – ha dichiara la Provincia - che non è in linea con il dettato contrattuale: motivazioni assurda, dichiara Marcella Tomasi, segretaria provinciale della Uil Fpl Enti Locali. “Perché viene negato un diritto costituzionale a tutte le insegnanti provinciali e questo avrà delle conseguenze: pronti a denunciare la Provincia se non ritirerà la propria comunicazione. Non può essere negato un diritto a tutte queste lavoratrici che devono poter partecipare all’attività sindacale”.

La protesta delle maestre delle scuole materne trentine davanti alla Provincia. Sventolano le bandiere della Uil

Il personale docente contro la decisione della Giunta di prolungare l'anno scolastico a luglio. Tutte a gridare "sciopero!". In prima fila Marcella Tomasi, segretaria della Uil Fpl Enti Locali (foto di Claudio Libera)

Quindi ha proseguito: “Questa di oggi era la chiusura di tutte le assemblee sindacali cui purtroppo le dipendenti provinciali non hanno potuto partecipare. Assemblee che si sono svolte su tutto il territorio provinciale, con incontri da remoto ovviamente ma nonostante questo siamo riusciti a raccogliere una grande quantità di testimonianze. Abbiamo raccolto l’adesione formale ed ufficiale allo stato di agitazione; cosa significa questo? L’amministrazione provinciale dovrà attivarsi per trovare un momento conciliativo con noi – anche se non credo che accadrà dal momento che il provvedimento è stato approvato ieri –, se non troveremo la quadra con la Provincia andremo dal Commissario del Governo. In questo caso verrà attuata la procedura di raffreddamento; il Commissario del Governo poi ci convocherà per vedere di mediare fra le parti e se questo non sarà possibile andremo verso lo sciopero”.

Scuole dell'infanzia, la protesta delle maestre trentine davanti alla Provincia: "Sciopero!"

Stamane, 14 maggio, la manifestazione in piazza Dante per protestare contro la decisione della Giunta di prolungare l'anno scolastico a luglio. Nel pomeriggio, dalle 13 alle 19, l'assemblea su Zoom (video di Claudio Libera)

Per quanto riguarda il Comune di Trento, “c’è stata una circolare del Consorzio dei Comuni che poneva dei dubbi sull’orario della nostra assemblea perché noi l’abbiamo programmata per tutta la giornata in modo da consentire a tutti di partecipare. Si tratta in pratica di un cavillo per non concedere di venire al personale Ata, per quanto riguarda il Comune di Trento (dove sono pochi per la verità e solo operatori d’appoggio), invece per la Provincia si parla di personale insegnante. E’ ovvio che chiederemo al giudice che cosa ne pensa di questa situazione, così inizia il percorso che si prevede lungo, perché sarà una battaglia che ci porterà attraverso tutta l’estate fino all’autunno. Perché qui stiamo mettendo in discussione un pezzo di storia che in Trentino esiste dal 1977, non credo che la risolveremo con un “volemose bene” ad un tavolo sindacale ma dovremo parare i colpi per degli attacchi diretti addirittura alla legge”.

 

















Cronaca







Dillo al Trentino