scuole

Liceo Depero di Rovereto, scontro Provincia-Comune. Bisesti: «Bando in primavera, no all’ex Gil»

Il sindaco Valduga: “Riqualificare il rudere in città”. Ma la Provincia ha deciso per l’ex macello. L’assessore replica duro: «Scelta un’altra soluzione che è già in fase avanzata»



ROVERETO. Sul liceo artistico Depero Provincia e Comune di Rovereto litigano. Il sindaco Francesco Valduga lo vorrebbe all’ex Gil e lo ha ribadito nei giorni scorsi in un incontro con la circoscrizione: “Venga il presidente Fugatti a Rovereto e ci dica quante risorse intende mettere per recuperare l’ex Gil che noi vorremmo ospitasse gli studenti del Depero e invece rischia di rimanere un rudere abbandonato”.

Ma la Provincia ha deciso per la collocazione all’ex macello e l’assessore all’istruzione Mirko Bisesti lo ribadisce oggi (19 novembre) con una dura replica a Valduga: «L'intervento di realizzazione della nuova sede del Liceo Artistico 'Fortunato Depero' è stato inserito nel tredicesimo aggiornamento del Piano straordinario degli investimenti di edilizia scolastica che la Giunta provinciale ha approvato a luglio 2021. La soluzione individuata, rispetto alla ristrutturazione degli immobili ex Gil, è quella che offre migliori prospettive agli studenti di Rovereto che ormai attendono da molti anni maggiori spazi e una sede adeguata alle mutate esigenze scolastiche», scrive Bisesti. Che aggiunge: «Fra l'altro gli uffici tecnici provinciali sono al lavoro da diversi mesi su questa soluzione tecnica, ormai in fase avanzata, e il bando di gara per l'appalto dovrebbe uscire nel corso della primavera 2023». 

"Il nuovo progetto prevede ampi spazi per docenti e studenti, un auditorium al piano terra e un atrio centrale che potrà essere utilizzato come spazio di esposizione per opere d'arte, aule e laboratori al primo e secondo piano, oltre a un parcheggio interrato di una quarantina di posti auto. L'importo previsto era di circa 15,5 milioni di euro, che dovrà essere aggiornato rispetto al preziario 2023", conclude l'assessore.

















Cronaca







Dillo al Trentino