Il caso

Green pass, a Torino i primi professori respinti da un preside

Due insegnanti si sono presentate all’istituto Curie-Levi con un certificato medico, ma il dirigente scolastico non l’ha ritenuto valido



TORINO. Due professori di una scuola superiore di Torino hanno fatto denuncia ai carabinieri dopo essere stati respinti dal preside della scuola dove insegnano, nel primo giorno di attività didattica, perché sprovvisti del green pass.

Sono Giuseppe Pantaleo e Alisa Matizen, docenti al Curie-Levi, nella sede di via La Salette.

Questa mattina, mercoledì 1 settembre, si sono presentati con un certificato scritto da un medico che non è stato ritenuto valido per l'accesso nella scuola.

Alisa Matizen è nota per la sua attività nel movimento Pas (Priorità alla scuola).

Dai treni agli autobus, fino alla scuola: via ai controli per il Green pass obbligatorio

Dai treni agli autobus, dai concorsi pubblici alle scuole: da oggi, mercoledì 1 settembre il Green pass diventa obbligatorio, accompagnato da numerose polemiche. Ecco le foto dei primi controlli sul territorio

La piattaforma per il Green pass

Secondo il presidente dell’Associazione dei presidi italiani, Antonello Giannelli, «la piattaforma colletiva per il Green pass non è ancora pronta, il ministero la sta approntando e al momento stiamo utilizzando la app individuale, nello specifico la useranno i collaboratori scolastici - coloro che una volta si chiamavano bidelli - che sono gli addetti ai controlli all'ingresso».

In generale sull'anno scolastico «sono ottimista, ritengo che ci siano tutte le condizioni per fare decisamente meglio rispetto a quello precedente, il vaccino ha cambiato tutto e sicuramente si userà molto meno la dad, che verrà applicata in eventuali casi di cluster». ha concluso Giannelli.

















Cronaca







Dillo al Trentino