scuola

Docenti trentini, la Cgil: «Prima il contratto, dopo il merito»

La segretaria della Flc Cinzia Mazzacca sulla proposta della giunta: «Qualsiasi progressione di carriera andrà definita nel contratto e va mantenuto il meccanismo automatico dell’anzianità»



TRENTO. "Non siamo contrari a priori a meccanismi che favoriscano la formazione e il riconoscimento del percorso professionale e l'esperienza dei docenti. Ci appare però inopportuno affrontare questo tema adesso, quando dal 2018 tutto il personale della scuola attende il rinnovo del contratto. La priorità deve essere quella".  Così Cinzia Mazzacca, segretaria della Flc del Trentino, sull’ipotesi di riforma delle carriere dei docenti voluta dall'assessore Mirko Bisesti: la proposta, presentata nei giorni scorsi ai sindacati, è quella di implementare meccanismi meritocratici in grado di premiare i docenti che maggiormente valorizzano la loro professionalità.

 “Non siamo contrari a priori a meccanismi che favoriscano la formazione e il riconoscimento del percorso professionale e l’esperienza dei docenti – afferma  Mazzacca – ci appare però inopportuno affrontare questo tema adesso, quando dal 2018 tutto il personale della scuola attende il rinnovo del contratto. La priorità deve essere quella su tutto”.
Per la Cgil “chi opera nella scuola, così come tutti gli altri lavoratori, è fiaccato dal carovita e dall’inflazione in continua crescita. Una situazione resa ancora più complessa per retribuzioni ferme ormai da troppo tempo. C’è una vera e propria emergenza salariale. L’assessore Bisesti si concentri su questo”, incalza Mazzacca.
Nel merito della proposta di valorizzazione professionale dei docenti Flc non oppone un netto no, ritiene però che ci siano delle criticità che vanno discusse e affrontate insieme al sindacato.
A cominciare dal fatto che qualsiasi meccanismo di progressione di carriera dovrà comunque essere definito all’interno del contratto di lavoro e mantenere l'automatismo delle progressioni economiche per anzianità. Accanto all’aspetto normativo vanno stanziate anche le risorse per riconoscere dei nuovi profili professionali sia per prevedere sgravi orari sia per incentivi economici. “E’ chiaro che una modifica di questa portata non si può fare a costo zero”.

Flc ritiene positivo che il progetto abbia individuato criteri di riconoscimento collegati alla didattica, alla ricerca-azione, alla formazione, al tutoraggio dei docenti neo-assunti. Non condivide, però la scelta di incarichi permanenti che non consentirebbero una rotazione né l'accesso alle nuove funzioni a tutti i docenti che acquisiscono i requisiti.
C’è poi il nodo legato all’oggettività dei criteri di valutazione. “La scelta del concorso pubblico, con valutazione dei titoli professionali maturati nella vita lavorativa, dà sicuramente maggiori garanzie di imparzialità nella valutazione ma occorre definire attentamente le tipologie di prove e le modalità per la costituzione delle commissioni. Occorre inoltre, per assicurare l'universalità di accesso”, continua la segretaria della Flc. Che chiede infine che il sistema sia rivolto anche ai docenti a tempo determinato: “Insegnanti che a volte, anche per lunghissimi periodi, operano fianco a fianco con i colleghi di ruolo per garantire la qualità del servizio”.

















Cronaca







Dillo al Trentino