Scuola

Aldeno e Mattarello e due istituti di Rovereto: ecco le scuole più sportive del Trentino

All’Istituto trentino il premio nella categoria ragazze e ragazzi, all'Istituto comprensivo Rovereto Nord nella categoria cadette e cadetti e all'Istituto Rosmini di Rovereto nella categoria allieve ed allievi



TRENTO. L’Istituto comprensivo di Aldeno e Mattarello conquista il riconoscimento di “Scuola più sportiva del Trentino”, nella categoria ragazze e ragazzi (ossia della prima media).

La premiazione si è svolta questa mattina (10 giugno) nel cortile della sede di Aldeno, alla presenza degli assessori provinciali all’istruzione Mirko Bisesti e sport Roberto Failoni, del sindaco Alida Cramerotti, del sovrintendente scolastico Viviana Sbardella, del dirigente Tiziana Chiara Pasquini e della presidente del Coni, Paola Mora. Una festa a tutti gli effetti - fatta anche di canti e letture - nel giorno che segna la fine dell’anno scolastico.

«Siete la dimostrazione che conciliare studio e sport, raggiungendo buoni risultati in entrambi gli ambiti, è possibile. Ognuno ha un talento diverso e non tutti possono diventare dei campioni, ma l’Amministrazione provinciale continuerà a lavorare affinché voi giovani di praticare diverse discipline» sono state le parole dell’assessore Failoni, che ha indicato lo sport come una «palestra di vita che fa bene alla salute».

«Siamo orgogliosi di voi» ha sorriso l’assessore Bisesti, che ha sottolineato l’importanza di praticare numerose attività sportive, anche grazie ad un Istituto e ad un Comune attenti a consentire ai giovani un’ampia possibilità di scelta: «È fondamentale che nel vostro percorso di vita continuiate a concedervi il tempo che l’attività motoria merita. Nel corso delle vacanze estive leggete, scoprite nuove storie e divertitevi. L’auspicio è che dopo due anni difficili, a settembre per il mondo della scuola possa esserci una ripartenza all’insegna della normalità: faremo il possibile affinché questo accada».

Il Dipartimento istruzione e cultura della Provincia autonoma di Trento ha premiato inoltre l’Istituto comprensivo Rovereto Nord per quanto concerne la categoria cadette e cadetti e, nell’ambito delle scuole secondarie di secondo grado, l’Istituto Rosmini di Rovereto per la categoria allieve e allievi.

Le ragazze e i ragazzi della scuola secondaria di primo grado di Aldeno e Mattarello hanno partecipato a diverse discipline sportive, individuali e di squadra. Il merito dei docenti - in particolare del professore di scienze motorie, Gianluca Magno, Cristiana Martinelli e Sandra Degasperi - è stato quello di proporre un ampio ventaglio di possibilità, garantendo ai ragazzi il necessario supporto. I migliori risultati sono stati raggiunti in atletica leggera, corsa campestre ed orienteering.

Nel corso della cerimonia, sono stati premiati gli alunni di Aldeno che - nell’ambito dei campionati studenteschi - si sono distinti raggiungendo risultati importanti. Si tratta di Francesco Merler, Daniele Triches, Samuele Maistri, Joele Ripanto, Giada Barca, Sofia Scandella ed Erika Tyanova. A Mattarello, nell’ambito di un appuntamento avvenuto nelle stesse ore, sono stati premiati Luciano Gregoriani, Davide Miori, Gabriele Bampi, Sebastian Caroppo, Simone Reho, Andrea Simonetti, Andrea Campestrini, Andrea Consolati, Federico Costa, Lorenzo Bettini, Mattia Faes, Nicolò Santini, Federico Rubin Predazzo, Giada Rotundo, Beatrice Tomasi, Michelle Pinocchi, Margherita Slomp, Beatrice Dassatti, Giulia Monreale, Gaia Turri, Sabrina Zeni, Valentina Forti, Teresa Garbari, Emma Meneghelli ed Elena Villani. Grazie al titolo di “Scuola più sportiva del Trentino”, l’Istituto ha ricevuto un assegno premio di 300 euro, che sarà utilizzato per l’acquisto di materiale sportivo (palloni, racchette, reti, mute…) a disposizione delle ragazze e dei ragazzi nella palestra.

Infine, in questo contesto è avvenuta anche la consegna dei diplomi nell’ambito de “Il piacere della lettura”, in collaborazione con la Biblioteca comunale di Aldeno con un riconoscimento per i “gran lettori” Beatrice Oliana, Alessandra Prada (vincitrice anche del premio lettura), Marta Drozd e Martina Tomasi e per i “lettori esperti” Carlotta Penitenti, Marta Drozd, Alessandra Prada, Filippo Beozzo e Martino Tomasi.

«Complimenti ai ragazzi e ai docenti che li hanno accompagnati», ha concluso la sovrintendente Sbardella, che ha indicato i premiati come ambasciatori della cultura e dello sport tra i loro coetanei.

















Cronaca







Dillo al Trentino