Liste d’attesa, Aiop, nella Finanziaria un vulnus



“Trovo illuminata la scelta del governo di immettere risorse sulle liste d’attesa perché oggi questo nostro Paese, in maniera diversa, a seconda della latitudine nella quale ci si muove, soffre sicuramente di liste d’attesa lunghissime che portano alla mobilità sanitaria passiva non fisiologica, alla spesa out of pocket o addirittura alla rinuncia alle cure, che è una piaga drammatica di questo Paese. A mio avviso, però, la Finanziaria, scritta così com’è, ha un vulnus”. Lo evidenzia, in occasione dell’evento “Pnrr: Le opportunità per la componente di diritto privato del Ssn e il ruolo delle Regioni e delle Province autonome", la presidente Aiop Barbara Cittadini.















Montagna









Dillo al Trentino