Europa

Le Pmi italiane all’avanguardia dello «smart growth» dell’Ue

La politica di coesione oggi e domani (con il contributo dell’Unione Europea)

BRUXELLES. Negli ultimi anni le regioni italiane hanno avuto a disposizione 26 miliardi di euro per costruire l’economia del futuro, basata sulla conoscenza e lo sviluppo. Vengono dalla politica di coesione dell’Unione europea, che nel periodo 2014-2020 ha mobilitato in totale oltre 188 miliardi di euro per la cosiddetta «smart growth», cioè la crescita intelligente.

L’Italia è stato il Paese che in questi ultimi anni ha ricevuto più di ogni altro aiuti europei a sostegno della competitività delle piccole e medie imprese (Pmi), il cuore del sistema imprenditoriale nazionale e regionale.

A scattare la fotografia dei fondi europei dedicati alla crescita «intelligente» - per ricerca e sviluppo (R&S), tecnologia dell’informazione (Itc) e competitività delle Pmi - è stata per conto dell’ANSA la Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa.

I finanziamenti Ue alle Pmi italiane per il periodo 2013-2020 sono stati 17,7 miliardi, in gran parte provenienti dal Fondo europeo di sviluppo regionale (Fesr). Tutte le regioni hanno dedicato al settore una grossa fetta. Ma Lazio, Abruzzo, Basilicata e Puglia hanno fatto registrare i livelli massimi indirizzando alle Pmi il 75% dei fondi a disposizione, seguite da Piemonte e Bolzano con poco meno del 50%.

Il nostro Paese ha anche avuto a disposizione negli ulti sette anni 6 miliardi di fondi Ue da destinare a ricerca e innovazione (un importo inferiore solo a quelli di Spagna, Polonia e Germania), mentre 2 miliardi sono andati allo sviluppo dell’Itc.

Piemonte e Lombardia hanno concentrato più del 40% delle risorse in azioni a sostegno di R&S, il Lazio meno del 10%.

Ascolta "Ferrovie più sicure e puntuali grazie ai fondi europei" su Spreaker.