Podcast

L'assassino di Anna Maria Ropele resta avvolto nell'ombra

Anna Maria Ropele era una prostituta fra le più note e con più clienti del Trentino. La trovarono morta in una pozza di sangue alle 5 di giovedì 9 gennaio 1992, nel suo appartamento di Corso Buonarroti.

LA SERIE / 1 La strage di Vetriolo
LA SERIE / 2 Lo scolaro e la maestra

LA SERIE / 3 Il mistero della cisterna
LA SERIE / 4 Scomparsa nel nulla
LA SERIE / 5 Rapina di sangue

LA SERIE / 6 La bambina sacrificata
LA SERIE / 7 Il camion killer
LA SERIE / 8 La ragazza punita



TRENTO. Anna Maria Ropele era una prostituta fra le più note e con più clienti del Trentino. La trovarono morta in una pozza di sangue alle 5 di giovedì 9 gennaio 1992, nel suo appartamento di Corso Buonarroti.

Lei si prostituiva per passione, anzi per vocazione. Divideva le sue giornate fra l’appartamento vasto, lussuosamente arredato, comperato tre anni prima al secondo piano del civico 49 di Corso Buonarroti e il marciapiede lungo il quale si fermava però solo di sera, attendendo i clienti, quasi sempre davanti alla vetreria Candotti.

Quando l’uccisero aveva trentotto anni, aveva racimolato una fortuna, ma non meditava la pensione.

L’uccisione di Anna Maria Ropele è uno degli episodi raccontati da Luigi Sardi nel libro «Delitti e misteri in Trentino» edito da Curcu & Genovese e che adesso è diventato un podcast grazie all'intensa interpretazione di Mario Cagol ne «Il suono delle pagine».

In questa seconda parte Mario Cagol racconta le indagini e il ruolo del marito della donna, erede di tutti i suoi beni.

Ma ecco il podcast di Mario Cagol:

Ascolta la prima puntata:

















Cronaca







Dillo al Trentino