cucina e tradizioni

Singolare sfida culinaria a Malga Millegrobbe: ecco la “Contesa della Polenta di Patate”. Cucinate con la “fornasela”

Appuntamento sabato 24 settembre, organizzato dalla Confraternita della Polenta di patate


di Claudio Libera


TRENTO. La Confraternita della Polenta di patate nell’ambito delle iniziative volte alla valorizzazione del territorio, delle tradizioni e dell’identità enogastronomiche del Trentino, riprende la propria attività organizzando la seconda edizione della: “Contesa della Polenta di Patate”.

La sfida gastronomica avrà luogo a “Malga Millegrobbe͘” località Millegrobbe a Lavarone, sabato 24 settembre. La polenta dovrà essere preparata sul posto.

Alla contesa sono ammessi 10 partecipanti tra ristoratori, albergatori operanti nella provincia di Trento e singoli cittadini che intendano dimostrare le proprie capacità culinarie. La manifestazione ha come unico obiettivo la promozione, la valorizzazione della Polenta di Patate. Il concorso assegnerà un premio alla migliore Polenta di Patate eletta ad insindacabile giudizio della giuria. In caso di richieste di partecipazioni superiori, avranno diritto a partecipare i primi 10 richiedenti, farà fede la data di ricezione dei moduli di partecipazione. Eventuali proroghe saranno comunicate tempestivamente ai partecipanti la manifestazione.

Saranno messe a disposizione dei partecipanti 10 stufe “fornasele”, ovvero una per ogni partecipante ammesso il quale dovrà provvedere a portare tutto l’occorrente per la preparazione della polenta. Il concorrente dovrà inoltre provvedere anche alla legna per il fuoco. La valutazione della polenta avverrà in maniera anonima, ovvero senza conoscere il nome del concorrente e sarà affidata ad una Commissione Giudicatrice (Giuria) di 9 membri nominata dagli Enti organizzatori così composta: dal Gran Maestro della Confraternita della Polenta di Patate; un rappresentante designato dall’Ordine delle Confraternite; un Amministratore locali o membro dell’Apt d’ambito; un Giornalista del settore enogastronomico; un delegato dell’Associazione Cuochi del Trentino; un Rappresentante delle categorie (albergatori, commercianti, artigiani ecc); tre membri componenti la giuria popolare.

Sarà compito degli organizzatori offrire alla Commissione Giudicatrice (Giuria) le vaschette numerate, contenenti la polenta in gara per la degustazione e le schede indicanti numero e spazio per le valutazioni ove apporre i singoli voti corredati da breve nota descrittiva. A fine gara la Commissione Giudicatrice (Giuria) si riunirà per effettuare lo spoglio delle schede e stilare la classifica. Saranno oggetto di valutazione del piatto in gara: fedeltà alla tradizione del territorio; ingredienti provenienti per la maggior parte dal territorio Trentino (possibilmente documentabili); originalità nella rivisitazione a patto che siano elaborate con prodotti tipici del Trentino; armonia e gusto del piatto (profumo, cottura, sapidità, succulenza, ecc); genuinità dei prodotti utilizzati; esecuzione.

Al termine della contesa verranno effettuate la proclamazione e la premiazione del vincitore; la giornata aperta a tutti, sarà occasione di far festa.

















Cronaca







Dillo al Trentino