il progetto

Nuova rete di “eco-bus” veloci nelle valli di Fiemme e Fassa, dai Comuni 130 osservazioni

Il presidente Fugatti ha incontrato gli amministratori locali: entro fine febbraio l’approvazione del progetto da 60 milioni di euro in Giunta



TRENTO. Centotrenta osservazioni formulate dalle Amministrazioni locali, di cui 68 pertinenti (13 accoglibili e 29 trattabili). A conclusione del processo di concertazione, il progetto del Bus rapid transit (Brt) per la mobilità sostenibile nelle valli olimpiche di Fiemme e Fassa, nel pomeriggio di oggi è finito sotto la lente in occasione del confronto tra il presidente della Provincia autonoma di Trento, Maurizio Fugatti, i sindaci dei due territori ed i presidenti della Comunità di Fiemme Giovanni Zanon e del Comun General del Fascia Giuseppe Detomas.

“Nel corso della valutazione, l’obiettivo è stato quello di tenere in considerazione il maggior numero delle osservazioni formulate dalle Amministrazioni locali, accoglibili sotto il profilo tecnico ed economico, al fine di favorire la più ampia condivisione possibile di quest’opera strategica” ha spiegato il presidente Fugatti, evidenziando come questa soluzione per il trasporto pubblico innovativo ed ecologico occupi uno spazio importante nel percorso di avvicinamento del Trentino ai Giochi olimpici 2026.

Gli aspetti di natura tecnica sono stati approfonditi dai dirigenti generali dell’Agenzia provinciale per le opere pubbliche (Apop) Mario Monaco, del Dipartimento territorio e trasporti, ambiente, energia e cooperazione Roberto Andreatta, del Dipartimento infrastrutture Luciano Martorano, oltre che dall’ingegner Stefano Ciurnelli responsabile delle analisi trasportistiche funzionali alla redazione del Documento preliminare di progettazione (Dps). Gli enti locali avranno ancora qualche settimana di tempo per entrare nel merito del progetto ed entro fine febbraio il Dps sarà approvato dalla Giunta provinciale.

Le risorse previste ammontano a 60 milioni di euro, che verranno utilizzate per realizzare opere infrastrutturali e di corsia riservata al passaggio di una flotta composta da 48 nuovi mezzi “green” (30 elettrici e 18 a biometano) nel tragitto Fiemme-Fassa e per il rinnovo del materiale rotabile. Si punta così a migliorare il trasporto pubblico su gomma di nuova concezione.

Gli interventi riguardano complessivamente 12 tratte lungo la viabilità principale di attraversamento delle valli dell’Avisio, per uno sviluppo lineare di circa 12 chilometri, oltre ad interventi di razionalizzazione della viabilità nei tratti in attraversamento ai centri abitati.

La flessibilità del sistema Brt consentirà di modulare l’offerta in base alle fluttuazioni stagionali (estate-inverno) e orarie della domanda, offrendo una capacità oraria modulabile compresa tra i 200 ed i 1.100 passeggeri l’ora in ognuna delle due direzioni. Secondo quanto riferito dal presidente di Trentino Trasporti Diego Salvatore, la nuova mobilità richiederà l’assunzione di 50 nuovi autisti ed ulteriore personale amministrativo.
Numerose sono le questioni affrontate nelle osservazioni: l’integrazione con ferrovia e linee ordinarie di trasporto pubblico al servizio di pendolari e ospiti; la predisposizione di corsie e semafori ad hoc, anche per favorire il Brt alle intersezioni; ottimizzazione del numero, della posizione e della specializzazione delle fermate; parcheggi per ridurre l’utilizzo dell’auto privata; autostazioni e depositi di Penia, Predazzo, Cavalese e San Giovanni.
Come ricordato dal presidente Fugatti, la predisposizione del Documento preliminare di progettazione è frutto di un processo partecipativo effettuato in corso d’opera con le Amministrazioni locali delle valli di Fiemme e Fassa. La raccolta delle osservazioni ha consentito di acquisire informazioni, suggerimenti e critiche costruttive con il duplice obiettivo di garantire che l’opera sia in grado di rispondere alle peculiari caratteristiche della mobilità locale.

















Montagna







In primo piano

l’opinione

Bypass, dire “no” a prescindere o sognare una città più bella?

«Trento deve scegliere il suo domani. Oggi la grande espansione, il distacco fra le funzioni abitativa e lavorativa, la crescita dei servizi determinano un rimpasto del territorio e la necessita di ridefinirlo», scrivono i due architetti


Pier Dal Rì e Roberto Botolotti