garda

Riva, svelate le idee del portoghese Nunes per la nuova fascia lago

Presentato lo studio paesaggistico, il plauso di Tonina: “La qualità dell’ambiente sempre più centrale nella pianificazione” (foto archivio)



LAGO DI GARDA. Riconnettere porzioni di paesaggio oggi separate. Valorizzare la ricchezza paesaggistica ed economica di Riva del Garda. Questo l’obiettivo dello studio paesaggistico affidato dal Comune di Riva all’architetto portoghese João Nunes presentato oggi (23 marzo) a Riva. 

Alla presentazione ha partecipato anche il vicepresidente della Provincia e assessore all’ambiente Mario Tonina, che in conclusione dell’incontro ha avuto parole di apprezzamento per lo studio, in particolare per quanto riguarda le proposte di riqualificazione che puntano a riconnettere tra loro le porzioni di paesaggio oggi separate. Ha ricordato inoltre il confronto in corso col territorio sul tema della ferrovia e sottolineato l’importanza di lavorare per la qualità paesaggistica anche in funzione di accrescere ulteriormente l’attrattività turistica della zona.

“I temi del paesaggio e della qualità dell’ambiente – ha detto Tonina – sono sempre più al centro dell’attenzione e devono quindi essere sviluppati ancora di più.”
Tonina ha evidenziato inoltre l’importanza di trovare, in questo percorso, una condivisione larga con gli altri comuni della zona e con la Comunità.

In apertura dell’incontro l’assessore comunale Mauro Malfer aveva infatti sottolineato quanto su questo tema sia importante l’interlocuzione con le altre amministrazioni comunali del territorio che si affaccia sul Garda trentino: Arco e Nago-Torbole.
L’amministrazione comunale, in seguito alla scadenza del piano attuativo della fascia lago (il piano a fini generali numero 17), sta lavorando alla redazione di una variante urbanistica dedicata, con l’obiettivo di valorizzare quest'area così strategica e delicata.
Per questo ha commissionato a João Nunes uno studio paesaggistico considerato importante per dare attuazione alla pianificazione urbanistica: valorizzazione di litorali, spiagge, lungolago, ambienti fluviali e spazi verdi gli oggetti dell’approfondimento.

 

















Cronaca







Dillo al Trentino