il caso

Lago di Garda, stampa in casa il tagliando del parcheggio ma sbaglia dimensioni: pizzicato dai vigili

È accaduto a Salò: per l’uomo una multa e una denuncia per contraffazione e truffa (foto Ansa tema)


di Daniele Peretti


SALO’. Contro il caro parcheggi un residente di Salò una soluzione l’avrebbe anche trovata, ma ha commesso un errore. Il tagliando del parcheggio per un valore di 16 euro era stato stampato in casa. Tutto molto simile all’originale se non per dimensioni: troppo grande la stampa artefatta rispetto all’originale. L’uomo ha parcheggiato la macchina nella centralissima Piazza Bresciani per una sosta teoricamente pagata, di otto ore.

Qualcosa ha però insospettito gli agenti della Polizia Locale impegnati nella verifica della regolarità dei parcheggi a pagamento. Troppo evidenti le dimensioni diverse perché la falsificazione potesse passare inosservata. Da qui gli accertamenti, la contravvenzione per mancata esposizione del ticket, ma anche una denuncia per contraffazione e truffa che sono reati penali.

Al lato pratico l’idea truffaldina non si è rivelata vincente, ma se qualche emulatore proverà a modificare, migliorandola, la stampa, sappia che la Polizia Locale vigila.

















Cronaca







Dillo al Trentino